Pubblicato il

Mercato, sì al posto fisso della Polizia locale

Mercato, sì al posto fisso della Polizia locale

I controlli di questi giorni da parte degli uomini del comandante Cucumile hanno fatto riemergere l'esigenza di ripristinare l'ufficio. La richiesta sollecitata anche dal delegato al mercato della Confcommercio Mauro Pagliarini. Intanto gli operatori chiedono più attenzione da parte del Pincio, a partire dalla pulizia delle strade

CIVITAVECCHIA – “Non è con controlli saltuari che si può restituire dignità ad un mercato sofferente, ma permette di sperare che il nostro caro mercato storico torni col tempo, anche grazie al nostro impegno, un’area vivibile ed un luogo d’incontro”. È questo l’auspicio del consigliere con delega al mercato della Confcommercio Civitavecchia Mauro Pagliarini, alla luce dei recenti controlli della Polizia locale che hanno portato ad elevare ben 30 multe ad altrettanti operatori – su 45 controllati – per aver occupato più spazio del dovuto. (agg. 15/09 ore 15.58) segue

UN PRESIDIO FISSO AL MERCATO. Pagliarini si dice favore ad un impegno continuativo da parte dei Vigili, tanto da chiedere che venga ripristinato un ufficio dei Vigili urbani al mercato, chiuso ormai da anni. “E questo – ha spiegato – almeno per tre ragioni. Il rispetto di regole uguali per tutti permette una concorrenza leale tra i commercianti che le vogliono rispettare, a danno di chi non lo fa. Il contrasto del fenomeno molto ampio di abusivismo commerciale, anche legato alle aree di sosta, favorisce una corretta gestione delle nostre attività e, ancora una volta, permette una sana una concorrenza ad armi pari. Infine, il contrasto di fenomeni diffusi di furto ed accattonaggio danno modo ai clienti di poter acquistare serenamente”. (agg. 15/09 ore 16.30)

GLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE E RIQUALIFICAZIONE. Allo stesso tempo però il rappresentante della Confcommercio auspica che, contemporaneamente, vengano realizzati al più presto anche gli interventi di manutenzione e riqualificazione.

Perché in queste condizioni il mercato stenta a lavorare bene. Lo ribadiscono quotidianamente gli stessi operatori che chiedono maggiore attenzione da parte del Pincio. “Non si vede nessuno qui – hanno dichiarato alcuni commercianti – nessuno che ci chiede come vanno le cose, se ci sono prolemi o criticità, se sono necessari o meno interventi. Ci sono angoli abbandonati ormai; la delocalizzazione delle ex superfetazioni non ha aiutato”. Un esempio è via Doria, con pochi banchi nella parte bassa e con auto e furgoni parcheggiati in quella alta, ad ostruire il passaggio: al centro locali a sede fissa spesso in sofferenza. E poi la pulizia. “Ci vorrebbe il passaggio di una spazzatrice e pulitrice ad acqua, periodicamente – hanno aggiunto – e invece nulla. Le strade sono sporche, così come il muro esterno dell’ittico appena riqualificato. E di pomeriggio soprattutto non è difficile vedere anche qualche topo che scorrazza sul marciapiede”.   (agg. 15/09 ore 17)

 

 

 

ULTIME NEWS