Pubblicato il

Sofi: ''Intento intimidatorio e allarmistico''

Duro intervento sul trasferimento della farmacia comunale di via degli Orti. I dubbi crescono 

Duro intervento sul trasferimento della farmacia comunale di via degli Orti. I dubbi crescono 

CIVITAVECCHIA – «Quando De Leva tira in ballo la Legge Madia lo fa con intento intimidatorio e allarmistico paventando ora l’opzione ‘‘dismissione’’ ora l’intervento di catene lobbistiche avide e prevaricatrici per cui consiglia un accordo ‘‘bonario’’ di collaborazione fra le farmacie comunali e quelle private». (agg. 18/09 ore 16.23) segue

CHIUSA LA FARMACIA DI VIA DEGLI ORTI. Duro intervento della dottoressa Maria Emilia Sofi della farmacia ‘‘Sofi’’ che risponde alle dichiarazioni dei giorni scorsi dell’amministratore unico della Csp Francesco De Leva in merito al trasferimento della farmacia comunale di via degli Orti – Faro – in viale Palmiro Togliatti. Una mossa che fa discutere da mesi con l’ennesimo allarme lanciato dai cittadini nei giorni scorsi. La farmacia di via degli Orti ha chiuso, ma i tempi di apertura di quella di viale Togliatti sembrano ancora lunghi, intanto i residenti restano senza servizio. Assente anche lo scivolo per i disabili, la cui costruzione pare sia resa difficoltosa per la presenza di usi civici. Anche l’altezza dei soffitti – come sottolineato dal vicecoordinatore locale di Forza Italia Giancarlo Frascarelli – non sarebbe conforme, si parla di 2,70 metri di altezza per ogni soffitto, mentre sembra che Csp abbia considerato la media. Insomma, si continua a discutere sulla farmacia della discordia. (Agg. 18/09 ore 17)

SCONTRO SULLA DECISIONE DI DE LEVA. Secondo Sofi De Leva ha espresso valutazioni «sui generis riguardo al ruolo e alle modalità gestionali delle farmacie comunali eludendo e – o omettendo quanto la legge di riforma sanitaria prevede e impone all’attività delle farmacia pubbliche e di quelle private. Si dilunga – prosegue Sofi – sull’aspetto commerciale del problema cercando di convincere che il ruolo primario del farmacista sia quello di far quadrare i conti e non quello di fornire ai cittadini i farmaci prescritti dal medico, di informarli su eventuali effetti collaterali e di consigliarne la giusta attenzione».  

Secondo Sofi la collaborazione tra farmacie private e comunali sarebbe difficile a causa delle facilitazioni di cui godono queste ultime. Ma per quanto riguarda la farmacia della discordia c’è un altro dubbio da sciogliere riguardo il trasferimento dei medicinali, dalla sede di via degli Orti a viale Togliatti, che andrebbe opportunamente notificato. Al momento i farmaci dove sono? La domanda sorge spontanea. (agg. 18/09 ore 17.30)

ULTIME NEWS