Pubblicato il

Potere al Popolo: "Fermiamo l'arrivo dei rifiuti prima che sia tardi"

CIVITAVECCHIA – «I lavori di scavo a Fosso Crepacuore proseguono senza sosta per preparare l’invaso della discarica destinata a ricevere 160.000 mc di rifiuti prodotti da Roma. La determina regionale di giugno scorso che autorizza il conferimento dei rifiuti a Civitavecchia e l’invasione dei rifiuti romani è operante e sta facendo il suo corso, mentre il sindaco Cozzolino e gli altri sindaci dei comuni del comprensorio che avevano aperto un tavolo dichiarando la loro opposizione a questa scellerata eventualità si sono eclissati, silenti ed inattivi.
Hanno già cambiato idea e sono disposti ad accogliere la “monnezza” e il relativo via vai quotidiano di camion per Fosso Crepacuore?». Se lo domanda Potere al Popolo, contestando anche i rappresentanti istituzionali eletti nel territorio che, seppure sollecitati più volte, non si sono fatti mai sentire. «Evidentemente – si legge nella nota – ritengono più importante non creare difficoltà all’accordo di governo che accomuna tutti, maggioranza e finta minoranza, nel tenere in piedi la traballante giunta Zingaretti piuttosto che difendere le ragioni del territorio. Troppo silenzio, troppa acquiescenza di fronte all’ennesimo scempio ambientale annunciato che si sta svolgendo sotto gli occhi di tutti».
Potere al Popolo respinge ogni ipotesi che preveda il trasferimento e/o la lavorazione a Civitavecchia e nel comprensorio dei rifiuti di Roma e del Lazio: «Non siamo più disposti, come popolazione di un territorio già pesantemente compromesso dalla presenza di numerose servitù ambientali, a pagare i danni dei ritardi e dell’inerzia dell’amministrazione capitolina e di quella regionale, che si rimpallano in sterili polemiche le responsabilità della criticità della gestione rifiuti, mentre prosperano gli interessi speculativi dei grandi gruppi privati che gestiscono il traffico dei rifiuti, le discariche e gli inceneritori». Secondo Potere al Popolo «l’obiettivo deve essere quello di gestire autonomamente e completamente il ciclo dei rifiuti prodotti nel singolo territorio senza bisogno di discariche e inceneritori. Per questo è necessario l’adozione di un nuovo piano regionale dei rifiuti e provvedimenti degli enti locali per incrementare la raccolta differenziata, con particolare urgenza a Civitavecchia, col porta a porta, la riduzione, il recupero e riciclaggio del materiale derivato dai rifiuti».

ULTIME NEWS