Pubblicato il

Blitz della Polizia di Stato alla ex colonia “Motta” a Marina di Massa, spunta la cocaina: un denunciato

MASSA CARRARA – Gli Agenti della Squadra Volante della Questura di Massa Carrara hanno fermato venerdì scorso un quarantenne di Massa che stava vendendo la droga a tre “clienti”, vano il tentativo di sbarazzarsi delle dosi. La Squadra Volante è tornata in forze nella zona della ex colonia “Motta” e nel vicino del parco di Ricortola, anche sulla scorta delle segnalazioni dei frequentatori del luogo e dei residenti che lamentano da tempo situazioni di degrado e di spaccio nell’area in argomento. Nel corso dell’attività di pattugliamento gli Agenti hanno fermato un uomo che in sella ad uno scooter stava cedendo droga ad altre tre persone che sostavano in auto sul lungomare, vicino all’ingresso della “Motta”, un grande stabile abbandonato da anni, divenuto ritrovo di soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. 

 

 

LASCIANO PER TERRA LE DOSI ALLA VISTA DEGLI AGENTI

Alla vista dei poliziotti le persone hanno lanciato per terra le dosi, nel tentativo di occultarle e sottrarsi al controllo delle Volanti. Gli operatori, una volta recuperate le cinque confezioni, hanno sottoposto a perquisizione tutti i fermati e all’autovettura su cui si trovavano i tre. Poi, li hanno tutti portati in Questura per gli accertamenti di rito. L’uomo che cercava di smerciare la droga, un quarantenne di Massa, è stato deferito l’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Le cinque dosi contenente sostanza del tipo cocaina, per un peso complessivo pari a 263 grammi, sono state sottoposte a sequestro.  (Agg.26/9 ore 19,51)

 

CONTINUANO LE ATTIVITÀ DI CONTRASTO ALLO SPACCIO

Si tratta di un altro importante risultato conseguito dalla Polizia di Stato, a testimoniare la forte determinazione con cui viene posta in essere la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto in luoghi, quali la ex colonia “Motta” e il parco di Ricortola a Marina di Massa, ove tale fenomeno sta suscitando allarme sociale. (Agg.26/9 ore 19,55)

ULTIME NEWS