Pubblicato il

Rapina a mano armata al mini market, recuperato il telefono di uno dei malviventi

Rapina a mano armata al mini market, recuperato il telefono di uno dei malviventi

I due si erano introdotti nel negozio col volto coperto e armati - VIDEO

LADISPOLI – Torna a suonare l’allarme sicurezza in città dopo un’estate all’insegna dei furti e delle rapine ai danni dell’attività commerciali sul litorale. Nel week end i carabinieri di Ladispoli, coordinati dalla compagnia di Civitavecchia, hanno arrestato due immigrati africani che avevano scippato una catenina d’oro dal collo di un giovane 25enne. I due rapinatori, ora in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Civitavecchia, si erano dati alla fuga e una volta acciuffati hanno colpito anche i militari ma sono stati subito ammanettati. (agg. 25/09 ore 8.24) Segue

IL FILMATO DELLA RAPINA A MANO ARMATA AL MARKET. A distanza di poche ore sul social di Facebook è stato pubblicato il video di un raid avvenuto due settimane fa ai danni di un mini market in via Fratelli Cairoli, nel quartiere residenziale Le Giare. Filmato naturalmente da subito in possesso dei carabinieri. In quelle scene cruenti si vedono due persone con il volto coperto da un casco entrare nel negozio, puntare la pistola alla tempia del figlio del commerciante pakistano e colpirlo alla fronte con il calcio dell’arma. Il giovane di origini asiatiche – si vede nel video – è stato molto coraggioso perché si è accorto che uno dei due banditi aveva perso il suo telefonino e con destrezza è riuscito a nasconderlo sotto al frigorifero scatenando però la reazione dei balordi. Una prova evidente (messa nero su bianco nella denuncia presentata in caserma dall’asiatico, ndr) ora in mano agli investigatori sulle tracce dei due ignoti che avrebbero le ore contate. (agg. 25/09 ore 9)

LA TESTIMONIANZA. “Il loro accento era italiano, sono fuggiti via con uno scooter Scarabeo di colore rosso”, era stata la testimonianza del titolare dell’attività. La famiglia di commercianti è molto conosciuta a Ladispoli e da molti integrata stabilmente. Il bottino ha fruttato ai delinquenti oltre 1.500 euro tra i soldi “prelevati” in cassa e quelli relativi all’affitto del locale che proprio quel giorno il proprietario teneva sotto al bancone. In più i due hanno portato via il telefono cellulare del ragazzo poi medicato al pronto soccorso in seguito al forte colpo ricevuto.(agg. 25/09 ore 9.30)

VIDEO

ULTIME NEWS