Pubblicato il

Dehors: la Regione promette pratiche più snelle

Dehors: la Regione promette pratiche più snelle

Dalla Regione arrivano buone notizie dopo l’approvazione di due ordini del giorno su Zls e Viacard e il via libera all’emendamento per la semplificazione delle procedure riguardo l’installazione degli elementi esterni per i locali 

CIVITAVECCHIA – Dalla Regione arrivano buone notizie dopo l’approvazione di due ordini del giorno su Zls e Viacard e il via libera all’emendamento per la semplificazione delle procedure riguardo l’installazione dei Dehors. Tre passi in avanti importanti, su temi molto sentiti nel territorio. Per quanto riguarda le Zone logistico semplificate a darne notizia è il vice presidente del consiglio regionale Devid Porrello (M5S). «Approvato l’ordine del giorno a mia prima firma che impegna la giunta Zingaretti a proporre al Governo l’istituzione – ha spiegato – di una Zls per il porto di Civitavecchia. L’obiettivo è favorire lo sviluppo di nuovi investimenti in quest’area produttiva e una crescita economica della costa laziale e dell’intera regione». (agg. 04/10 ore 9.03) segue

AL CONSIGLIO DEI MINISTRI L’OK DEFINITIVO. Uno snellimento burocratico e zone franche per la lavorazione delle merci che dovrebbero attirare investitori nello scalo cittadino. Ora, una volta proposta l’istituzione dalla Regione, spetterà al presidente del Consiglio dei ministri l’ok definitivo con un decreto. Un ordine del giorno che, tra le altre firme, portava quelle degli altri rappresentanti del territorio alla Pisana Gino De Paolis (Civica), Emiliano Minnucci (Pd) e Marietta Tidei (Pd), così come l’altro importante ordine del giorno: quello sulla Viacard. 

«Si apre un percorso importante – ha spiegato Tidei – per portare a compimento il rifinanziamento della legge regionale 59 del 1989 che prevedeva il rimborso ai Comuni di Civitavecchia e Santa Marinella relativo alle spese  per garantire la deviazione del traffico pesante di attraversamento del territorio comunale verso l’autostrada A12 Roma-Civitavecchia. La legge regionale n.59 del 1989 non veniva finanziata da anni e conseguentemente  i costi dei pedaggi autostradali sono stati sostenuti dagli autotrasportatori costretti, a seguito delle ordinanze comunali che vietavano il traffico pesante all’interno delle città, a percorrere l’autostrada per raggiungere il porto con conseguente aggravio dei costi». (agg. 04/10 ore 9.30)

L’INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DI ASSOTIR. Sulla questione è intervenuto anche il rappresentante di Assotir, Patrizio Loffarelli: «Siamo fiduciosi. Spero che la politica regionale dopo tanto disinteresse abbia capito l’importanza del settore. Ringrazio – ha concluso – per l’impegno i consiglieri regionali del territorio e l’assessore Alessandri». Un passo atteso da tempo così come quello sui dehors, l’ultima novità della giornata annunciata da Tidei. Si tratta di un emendamento, proposto dalla dem, al collegato al bilancio che si riferisce al catalogo degli arredi e dehors «voluto – spiega Tidei – per semplificare le procedure relative al rilascio delle concessione di suolo pubblico da parte dei Comuni, tutelando allo stesso tempo le aree pubbliche di valore». In pratica verrà previsto un catalogo di arredo urbano commerciale «nel quale – continua Tidei – devono essere indicati gli elementi di arredo per tipologia e materiale, compresi i dehors, compatibili con le aree pubbliche che hanno particolare valore». 

Soddisfatto anche De Paolis: «Un’iniziativa positiva – ha detto – che va nella direzione del decoro e della semplificazione». Il presidente della Confcommercio Civitavecchia Graziano Luciani commenta positivamente la notizia: «Siamo contenti dell’emendamento di Tidei, perché – ha evidenziato – su base regionale non fa che riportare il nostro lavoro fatto a Civitavecchia, in quanto nell’attuale regolamento è presente il catalogo proprio come richiesto dai nostri tecnici in sede di revisione dei vecchi regolamenti». (agg. 04/10 ore 10)

ULTIME NEWS