Pubblicato il

Lega a Tarquinia, ad Alessandro Giulivi l'incarico di responsabile territoriale

Lega a Tarquinia, ad Alessandro Giulivi l'incarico di responsabile territoriale

All'ex sindaco il compito di creare un gruppo di lavoro per stilare un programma con il quale il partito di Salvini si presenterà a Tarquinia nelle elezioni di primavera. "Dobbiamo ripartire dagli errori per ricostruire questa città" VIDEO

TARQUINIA –  Sala convegni di Villa Tirreno affollta per ascoltare oggi pomeriggio a Tarquinia le parole del senatore Umberto Fusco. 
Il vice coordinatore regionale della Lega ha parlato alla platea ponendo alcuni punti fermi. Parlare della Lega, portare Tarquinia e le sue innumerevoli ricchezze all’attenzione nazionale e presentare l’ex sindaco Alessandro Giulivi quale referente territoriale per elaborare il programma con il quale il partito di Salvini si presenterà a Tarquinia nella competizione elettorale di primavera.
«Abbiamo anticipato i tempi – ha detto Fusco –  Oggi avremmo voluto parlare del partito Lega che viene a radicarsi nel territorio, nella parte del litorale. Nell’entroterra della Tuscia il partito è già molto radicato e i sondaggi sono molto ampi. Vedendo la grande presenza qui a Tarquinia mi sembra chiaro che lo è anche qui».

«Si parte con il migliore augurio,- ha detto Fusco – con la gamba giusta per poter raggiungere tutti quegli obiettivi che tutti noi leghisti, che stimiamo molto il segretario Matteo Salvini, ci prefissiamo in vista della primavera, quando Tarquinia andrà ad elezioni».
Fusco ha ringraziato tutti i presenti: i dirigenti della Lega, presenti anche quelli della vicina Civitavecchia. Ha salutato anche gli amministratori della Lega di Viterbo, rappresentata dal vicesindaco e alcuni consiglieri comunali. «Vorrei ringraziare Roberta Roberti – ha detto il senatore – che nel 2017 ha coordinato, insieme a Felicita, il gruppo di Tarquinia. Noi non volevamo gente che veniva da altri partiti, noi siamo arrivati con la gente normale. Siamo un partito normale. C’era da prendere e cominciare a lavorare su Tarquinia,  ed io ho puntato su Roberta Roberti.  Nel 2017 e ancor prima,  nel momento difficile di un partito che doveva partire,  Roberta con la sua onestà e tranquillità ha lavorato e raccolto firme. Per me Roberta è un simbolo e un riferimento qui a Tarquinia». «E’ logico che oggi – ha aggiunto Fusco – ci sarà un altro tipo di politica, molto più frenetica e molto più frizzante. Ci sarà da combattere per questi valori che noi abbiamo e che vogliamo radicare».
«Parto subito con un principio – ha chiarito Fusco –  io  e tutti quelli che sono con me devono parlare  del nostro partito,  della nostra Lega con Salvini premier. A noi degli altri partiti dell’arco costituzionale, o persone o  liste civiche, non interessa parlare. Sicuri che il mio gruppo non parlerà mai male di altri partiti. Chi lo farà,  sarà espulso dal partito.  Io voglio che la Lega parli del programma che deve fare qui a Tarquinia. Non vogliamo confusione». 
Quindi l’obiettivo di prendere Tarquinia. «Oggi è solo un antipasto di quello che può succedere nei primi mesi dell’anno quando si comincerà a concretizzare la squadra che io ho nel cuore. Ci presenteremo all’attenzione di Tarquinia per fare in modo di prendere questa città;– ha scandito Fusco –  una città fantastica, una città di cultura. Dopo Viterbo, che per abitanti la fanno seconda, Tarquinia è in prima linea anche in tema di cultura e ricchezza del territorio, a tal punto da meritare di essere posta all’attenzione non solo regionale ma anche nazionale. E questo fa ben sperare di poter cambiare marcia».
Fusco ha ribadito il suo ruolo di commissario e l’importanza strategica di Tarquinia e Civita Castellana: «Da oggi io sono il commissario qui a Tarquinia, sarò il responsabile in prima persona delle elezioni a Tarquinia per la Lega, come sarà a Civita Castellana commissario per le elezioni, il vicesindaco Contardo, al quale faccio un grande in bocca al lupo. Giovedì cominceremo a lavorare anche a Civita Castellana. Sono due città che a noi interessano molto, perché sono in due posizioni strategiche nel territorio di Viterbo».
«Con Tarquinia cominceremo subito, ha aggiunto il senatore presentando Alessandro Giulivi: «Io sono il commissario e con me ci sarà un referente per il territorio, Alessandro Giulivi – ha detto -: significa che tra pochi giorni sarà aperta una sede, che è aperta a tutti, a chiunque vuole entrare. Cominceremo a formare un programma e Giulivii sarà il responsabile che avrà l’onere di prendere tutte le varie istanze dei cittadini, tutte le indicazioni importanti per elaborare un programma da porre all’attenzione della Lega e che si addice al territorio».
Commosso ed emozionato l’ex sindaco Alessandro Giulivi, che nel suo inizio di intervento ha ricordato e rivolto un saluto all’ex primo cittadino Pietro Mencarini: «Ringrazio il senatore che ha dato questa grande opportunità a Tarquinia, – ha detto Alessandro Giulivi – ringrazio anche gli amministratori comunali. Il mio pensiero va comunque a Pietro Mencarini e a tutta l’amministrazione uscente che ha lavorato per un anno e mezzo con grande fatica; quindi rivolgo un applauso a tutto quello che hanno fatto e che hanno subito in questi mesi. Hanno sicuramente dimostrato di aver voluto bene a Tarquinia. Ora dobbiamo ricominciare da questo. Da tutto quello che è stato fatto fino ad oggi. Di bene e anche di male. Anche in passato, la mia amministrazione ha sbagliato in alcune cose. Ma dobbiamo riconoscere i nostri errori; dobbiamo riconoscere quello che abbiamo fatto di bene ma anche di male». «Quindi – ha aggiunto Giulivi – in questa fase di ricostruzione di un tessuto politico che oggi non c’è più, bisogna lavorare per ricrearlo, alzando lo standard qualitativo della politica. Non si possono vedere campagne elettorali come quelle che ci sono state. Noi non risponderemo ad alcun tipo di attacco che non sia politico. Noi risponderemo solo con i fatti e non con le chiacchiere. Mi conoscete, sapete come ho lavorato come sindaco; ebbene continuerò a farlo, con l’aiuto di tutti voi. Quindi – ha concluso – ricostruiamo Tarquinia e ripartiamo da dove l’abbiamo lasciata. In bocca al lupo più di tutti a voi».

VIDEO

ULTIME NEWS