Pubblicato il

Aumento retroattivo delle tariffe a Casale Bussi, il Comune si oppone

Il sindaco Cozzolino: “Civitavecchia impugnerà la determina regionale" 

Il sindaco Cozzolino: “Civitavecchia impugnerà la determina regionale" 

CIVITAVECCHIA – Il comune di Civitavecchia impugnerà, insieme agli altri Comuni, la determina regionale del 5 settembre 2018, con cui la Regione Lazio ha disposto l’aumento retroattivo (dal 2009) delle tariffe di conferimento dei rifiuti presso l’impianto Tmb di Ecologia Viterbo sito in Casale Bussi. 
A rendere nota la decisione è il primo cittadino Antonio Cozzolino che spiega: “Convengo con il Sindaco di Montalto Sergio Caci si tratta dell’ennesimo atto della Regione Lazio che va a danno dei Comuni, ossia gli enti locali che maggiormente devono dare risposta alla cittadinanza. È un qualcosa – continua – che non possiamo permetterci e ricorreremo insieme agli altri Comuni avverso questa determina che addirittura sarebbe retroattiva a partire dal 2009”.

Per il Sindaco questo “implicherebbe oggi un aumento della Tari per i cittadini, per operazioni che non sono state perseguite 10 anni fa. Non posso condividere – conclude duro – questo modo di operare: se la Regione ritiene oggi di avere sbagliato la quantificazione della tariffa nel 2009, sarebbe giusto che fosse la Regione stessa a sopportare il peso economico del suo errore o della sua lentezza”.

ULTIME NEWS