Pubblicato il

''Se il dissesto non esiste non esistono nemmeno i debiti'

Il sindaco Pietro Tidei replica al consigliere della Lega Massimiliano Calvo Il primo cittadino:«L’ex amministratore vada dai creditori»

Il sindaco Pietro Tidei replica al consigliere della Lega Massimiliano Calvo Il primo cittadino:«L’ex amministratore vada dai creditori»

SANTA MARINELLA – Continua il botta e risposta tra il sindaco Tidei e il consigliere della Lega Massimiliano Calvo. “Il consigliere Calvo – sottolinea il sindaco – ha espresso una sua pur colorita opinione e per questo deve essere rispettato. Dire però che la dichiarazione di dissesto sia stata una scelta dell’amministrazione in carica, non è una manifestazione di onestà intellettuale. Sarebbe come ammettere che i trenta milioni di euro di debiti che ci siamo ritrovati sul tavolo, non esistono”. (agg. 12/10 ore 21.39) segue

“CITTA’ ABBANDONATA PER DIECI LUNGHISSIMI ANNI”. “Allora vada lui stesso, che ha partecipato attivamente alla precedente amministrazione, a dire al fornitore farmaceutico che i suoi 600mila euro di crediti per merce consegnata e non pagata non esistono, che sono una bugia. E visto che Calvo è così’ bravo convincere le persone, lo faccia anche con l’Enel per il milione di euro che deve introitare dal Comune e così, visto che ci ha preso la mano, lo faccia con tutti i creditori che si stanno mettendo in fila per incassare qualcosa di quanto è loro dovuto per spese autorizzate, non nella mia gestione, ma in quella di Calvo. Anche questo probabilmente non basterebbe a risollevare una città abbandonata per dieci lunghissimi anni”. Ieri mattina – continua Tidei – sono andato a Roma perché avevo un appuntamento con l’assessore regionale ai lavori pubblici per perorare le nostre necessità in merito alla scuola Vignacce ed alle barriere soffolte. A metà del tragitto, l’auto del Comune ha avuto un guasto dovuto all’usura e non poteva essere sostituita con nessun’altro mezzo. Ecco, questi sono i segni evidenti della buona amministrazione che mi ha preceduto. Questi sono i fatti, non le chiacchiere”. (agg. 12/10 ore 22)

“DOVRETE RISPONDERE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA”. “E a proposito di chiacchiere, voglio raccontare a Calvo quella che sta girando in città in questi giorni e che vede lui ed altri partecipanti alla precedente amministrazione intenti a preparare un ricorso contro la delibera di dissesto, aiutati da un ex segretario comunale. La cosa sarà organizzata sicuramente per prevenire gli accertamenti della Corte dei Conti ma la vostra grande preoccupazione non dovrà riguardare solo la magistratura contabile”. “Piuttosto – conclude Tidei – bisognerà rispondere in maniera appropriata e sensata alle domande che presto vi rivolgerà la Procura della Repubblica, delibera di dissesto o meno”. (agg. 12/10 ore 22.30)

ULTIME NEWS