Pubblicato il

Aeroporto, anche la Regione dice no al raddoppio

Aeroporto, anche la Regione dice no al raddoppio

Fiumicino. Approvato dalla Pisana all’unanimità un ordine del giorno per l’individuazione di "uno scalo di sostegno dove trasferire i voli low cost". La soddisfazione del Comitato FuoriPista: "Un’indicazione concreta"

FIUMICINO – “Il Consiglio Regionale del Lazio ha approvato nei giorni scorsi un ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle che impegna il Presidente Nicola Zingaretti e l’Assessore alle Infrastrutture Mauro Alessandri a “sollecitare la convocazione del tavolo istituzionale fra Ministero delle Infrastrutture e Regione Lazio per l’individuazione di un aeroporto di sostegno a Fiumicino, dove trasferire i voli low cost” – lo comunica in una nota il Comitato FuoriPista..(agg. 14/10 ore 8.05) segue

“NUMERI GONFIATI”. “E’ noto infatti che è stata la dislocazione delle compagnie aeree low cost a gonfiare i numeri del traffico su Fiumicino di oltre 10 milioni di passeggeri/anno: l’unico escamotage possibile per rispondere alle previsioni gonfiate contenute nel Contratto di programma Enac-AdR che impongono il raggiungimento dei 51 milioni di p/a per poter procedere al Raddoppio. Prima con lo stralcio dell’aeroporto regionale destinato alle low cost e successivamente con il trasferimento delle compagnie voli low cost da Ciampino a Fiumicino si era pensato infatti di sopperire alla crescita troppo modesta per giustificare un secondo mega aeroporto a Fiumicino, che escluse le low cost, si aggirerebbe sui 30/31 milioni di passeggeri all’anno.
Inoltre, cosa di grandissimo rilievo per la chiarezza della formulazione e per la forza che deriva dal consenso unanime con cui è stato approvato: l’odg impegna Presidente ed Assessore ad “evitare l’ipotesi di allargamento dello scalo di Fiumicino, con tutti i mezzi a disposizione della Regione Lazio, sfruttando al meglio l’attuale sedime aeroportuale e scongiurando di conseguenza, l’utilizzo di aree limitrofe per ampliamenti di strutture e la costruzione di nuove piste”.(agg. 14/10 ore 8.30)

L’ATTO POLITICO. Grazie all’intervento del Movimento 5Stelle si è arrivati così a un significativo atto politico e ad una chiara presa di posizione della Regione Lazio. Un risultato del quale, anche noi del Comitato FuoriPista ci attribuiamo modestamente parte del merito, dopo dieci anni di iniziative e di lotta. Ora sarà nostro compito incalzare il Presidente Zingaretti e l’Assessore Alessandri affinchè richiedano l’immediata convocazione del tavolo istituzionale, tanto più in seguito alla dichiarazione dello stesso Ministro dei trasporti Sen. Toninelli, che in risposta alla interrogazione degli On. Stumpo e Fassina, ha recentemente confermato che “è intenzione del Governo rivedere il progetto di raddoppio dell’aeroporto e in tal senso stiamo avviando interlocuzioni con i soggetti coinvolti…”. Confidiamo nella chiara volontà e nell’impegno politico del Ministro e auspichiamo che anche il Comitato FuoriPista venga finalmente considerato un soggetto da coinvolgere o perlomeno da consultare, tanto più che abbiamo elaborato e consegnato il Progetto di sviluppo aeroportuale alternativo a quello di Enac/AdR, che oltre a garantire gli stessi volumi di traffico e di passeggeri, non consuma nessun metro di suolo al fuori dall’attuale sedime”. (agg. 14/10 ore 9)

ULTIME NEWS