Pubblicato il

Delitto Tanina, i dubbi irrisolti

Delitto Tanina, i dubbi irrisolti

Fiumicino. Le indagini: domande inevase

FIUMICINO – Come mai un maestro di karate, cintura nera 3 dan, ha avuto bisogno di prendere un corpo contundente per uccidere una donna? Come mai ha tenuto il corpo occultato per un’intera giornata? Cosa può averlo spinto a commettere un omicidio? Era davvero solo in quella palestra la mattina del delitto? Sono le domande che, al netto della confessione che il personal trainer Andrea De Filippis ha fatto rispetto alla morte di Maria Tanina Momilia, si stanno facendo gli inquirenti. (agg. 14/10 ore 10.10) segue

I DUBBI. Dall’autopsia sono emersi particolari che lasciano perplessi, rispetto alla capacità offensiva dell’uomo. E anche la ricostruione dei fatti è in questi giorni sotto la lente di ingrandimento degli investigatori. (agg. 14/10 ore 10.30)

L’IPOTESI. L’ipotesi, ma resta tale al momento, è che il maestro di arti marziali non fosse solo il giorno del delitto. Rsta da cpire in compagnia di chi, perché e quale eventuale ruolo potesse avere l’altra persona nella vicenda. (agg. 14/10 ore 10.50)

ULTIME NEWS