Pubblicato il

Mecozzi sulla gestione dell'idrico: "Adesso basta"

Mecozzi sulla gestione dell'idrico: "Adesso basta"

Il consigliere del Polo democratico teme un inverno di problemi dopo un'estate a secco. Tanti i problemi evidenziati 

CIVITAVECCHIA – Mirko Mecozzi torna ad attaccare il Pincio sulla gestione dell’idrico e dei fondi Enel. In una nota l’esponente del Polo Democratico spiega come dopo un’estate senza acqua i civitavecchiesi si dovranno preparare anche ad un inverno senza acqua.

“Se come promesso da questa Amministrazione si sarebbe provveduto per tempo a pulire e svuotare il cosiddetto bacino di calma del Mignone in località Lasco del Falegname – spiega il consigliere comunale – se avessero riparato per tempo l’acquedotto comunale dell’Oriolo e soprattutto se invece di andarsi ad impantanare in un progetto Via (fondi Enel, per circa 1.500.000 €) che riguarda o riguardava l’implementazione delle condotte primarie comparti B e C, per chi conosce la nota questione, lavori che dovevano essere completati nel maggio scorso ed invece non sono ancora nemmeno iniziati se non nella parte progettuale, almeno si spera, con quei soldi  (1.500.000 €) si fosse, invece proceduto a potenziare l’impianto di potabilizzazione di Monte Augiano mediante la realizzazione di una vasca di decantazione lenta, come c’è ad Aurelia filtri dal primo dopoguerra, “ma mica erano scemi…” , che avrebbe consentito di abbattere preliminarmente tutte o quasi tutte le particelle solide in sospensione nell’acqua fluviale prima di essere avviata al trattamento di potabilizzazione, il problema grave delle torbide e di conseguenza delle riduzioni di portata per le aree colpite dalle continue crisi idriche – ha concluso Mecozzi – sarebbe stato definitivamente risolto o perlomeno risolto in parte”.

 

ULTIME NEWS