Pubblicato il

Ex cementificio, Fratelli d'Italia: ''L'impianto venga riqualificato''

SANTA MARINELLA – Sulla questione della bonifica dell’ex cementificio, scende in campo Fratelli D’Italia, che afferma che l’eternit deve essere smaltito e la struttura messa in sicurezza perché pericolante. (agg. 25/10 ore 9.05) segue

“USARE LA STRUTTURA PER IL RILANCIO TURISTICO DEL TERRITORIO”. “Attenzione però a non distruggere uno stile che ha fatto epoca – dice il segretario cittadino Ilaria Fantozzi – e che se bene sfruttato in termini di immagine potrebbe contribuire al rilancio turistico della nostra amata Perla. Quale sarà il rilancio se il sindaco, parlando con l’impresa Salini, dovesse chiedere l’abbattimento totale della struttura? Non dimentichiamo che 1992 il Ministero dei Beni Culturali ha posto sotto tutela l’intera area. L’idea era quella di una riqualificazione dell’intero impianto e non di un abbattimento”. (agg. 25/10 ore 9.30)

LA STORIA DELLA STRUTTURA. Il villino, progettato 1911 e costruito poi nel 1913 come abitazione, sorge su un’area di circa sette ettari acquistata nel 1898 dall’imprenditore Giuseppe Cerrano, intenzionato ad inserire a Santa Marinella un complesso industriale per la produzione del cemento. Il valore storico di questo villino costruito con nuovi materiali presenta un’architettura che aderiva ad uno stile modernista. Dobbiamo cercare di preservare la nostra storia e rilanciarla, solo il turismo, unica grande risorsa veramente utile, potrà aiutarci a superare le difficoltà della crisi. Signor Sindaco, meno speculazione edilizia e più riqualificazione del territorio”. (agg. 25/10 ore 10)

ULTIME NEWS