Pubblicato il

Stalking: settantottenne finisce in manette

Stalking: settantottenne finisce in manette

Maltrattava la moglie gravemente malata: l’Autorità giudiziaria ha disposto la pesante misura. Casi in aumento negli ultimi tempi: il Tribunale di Civitavecchia celebra circa tre processi di questo tipo ogni settimana

CIVITAVECCHIA – Un reato subdolo, molto spesso sottovalutato oppure non adeguatamente trattato per la paura di denunciare da parte della vittima, per la scaltrezza del carnefice, oppure per la scarsità di mezzi a disposizione degli inquirenti. Parliamo dello stalking, dell’abitudine di considerare la vittima, molto spesso donna, una proprietà personale della quale poter fare qualunque cosa. Il caso dell’anziano arrestato nei giorni scorsi dai Carabinieri non è, purtroppo, un episodio isolato. Proprio i militari dell’Arma, ma anche la Polizia, a quanto pare avrebbero gli scaffali pieni di denunce di questo tipo, in cui l’uomo non accetta la fine di una relazione e si spinge oltre, arrivando a perseguitare la vittima, rendendole la vita impossibile. Lo stalking è un reato che non conosce età. (agg. 07/12 ore 11.18) segue

STALKING, 78ENNE IN MANETTE. L’ultimo caso nelle scorse ore: un 78enne è stato arrestato dai Carabinieri per maltrattamenti nei confronti della moglie, tra l’altro gravemente malta. A nulla sono valse le misure adottate precedentemente dall’Autorità giudiziaria per porre fine a comportamenti lesivi attuati nel tempo dall’uomo nei confronti della moglie.  Alla fine sono scattate le manette. (Agg. 07/12 ore 11.45)

STALKING, TRIBUNALE IN PRIMA LINEA PER IL CONTRASTO. D’altronde il Tribunale di Civitavecchia è da anni in prima linea nel contrasto di questo genere di reato: ogni settimana presso il palazzo di giustizia di via Terme di Traiano vengono celebrati circa tre processi per stalking. 

Un numero elevatissimo se si pensa che sono circa novanta le udienze tenute ogni giorno, che trova una lievissima consolazione nell’ampia competenza territoriale della magistratura locale. Basta partecipare a una collegiale del magistrato Antonella Capri per rendersi conto della mole di lavoro che ruota intorno a casi di questo tipo. 
Le forze dell’ordine da tempo hanno alzato le antenne, trattando con attenzione i casi di violenza tra le mura domestiche e quelli di stalking, ma c’è ancora tanto da fare. (agg. 07/12 ore 12.20)

ULTIME NEWS