Pubblicato il

En plein dei team regionali, in bianco gli Elite

En plein dei team regionali, in bianco gli Elite

VERDECALCIO. Fine settimana nerazzurro-bianconero dai due volti. Su sette categorie tre vittorie, un pareggio e quattro sconfitte. Ottimi risultati per l’Under 15, 16 e 14 che superano rispettivamente 4-1 il Fiumicino 1926 e il Vis Aurelia con i risultati di 3-1 e 2-1. Le compagini di Eccellenza Under 19, 17 e 15 crollano dinanzi al Savio, Sff Atletico e Accademia, l’Under 14 impatta 1-1 con l’Aurelio

di MATTEO CECCACCI

Un weekend dai due volti quello vissuto dalle compagini in maglia nerazzurra-bianconera, perché se da una parte le quattro categorie Elite piangono, i tre team regionali fanno il pieno di successi concedendosi un bel sorriso a trentadue denti.
Partita senza storia quella di sabato pomeriggio al Vianello di via Norma dove l’Under 19 Elite del tecnico Livio Valle subisce una pesantissima sconfitta dal Savio di Angelo Grande per 8-1. Al match gli si può addire semplicemente un nome, quello di Riccardo Ferrante: il bomber numero nove blues ha messo a segno un poker a dir poco straordinario che ha annientato del tutto i nerazzurri. La partita si blocca appena dopo 10’ con Ferrante che di destro spiazza la porta difesa di Di Giacomo, poi il talento capitolino si ripete rispettivamente al 27’ approfittando dell’assist dalla fascia destra del compagno De Cato e poi al 29’ grazie a un bel tiro a giro che il portiere può solo guardare. Al termine dei primi 45’, dunque, è già dominio Savio che chiude il risultato sul 3-0. Nella ripresa entrano carichi gli ospiti e si vede al 2’ quando Mariani su calcio di punizione accorcia le distanze, ma appena la sfera s’insacca alle spalle di Mancini inizia il Savio show che in meno di mezz’ora annichilisce i ragazzi di Livio Valle, prima con Grippa appena dopo 60’’, poi al quarto d’ora ci pensa De Cato di testa per il 5-1, il sesto sigillo invece lo mette a segno capitan Scognamiglio superando un ingenuo Di Giacomo in uscita, il 7-1 è opera del migliore in campo Ferrante per il suo primo poker stagionale e il definitivo 8-1 lo firma Canepa, subentrato nel secondo tempo a Iannoni.
Un risultato davvero pesante per i classe 2001 che non riescono più a sbloccarsi, una crisi che sta durando ormai da inizio stagione, il tecnico Valle a questo punto potrebbe lasciare o con molta probabilità attenderà le ultime due giornate del girone d’andata, l’unica vittoria risale addirittura il 6 ottobre scorso quando i nerazzurri tra le mura amiche della Cavaccia rifilarono due gol al Time Sport Roma Garbatella, insomma la situazione è davvero complicata e abbastanza tragica, d’altronde lo dicono i numeri e la realtà parla chiaro: tredici gare disputate, undici sconfitte, un segno ics e una sola vittoria con l’ultimo posto in classifica che può soltanto accompagnare. Tutti dati che nemmeno Pino Brandolini, attualmente al Ladispoli, era riuscito ad ottenere. Davvero un peccato che tutti quei ragazzi coccolati lo scorso anno da mister Rocchetti abbiano deciso di accasarsi alla Cpc2005 per disputare un campionato regionale, ecco, sarebbe giusto partire da questo, chiedersi e capire casomai il perché di un organico forte, bravo ed educato abbia deciso di lasciare un club storico dopo aver ottenuto tra l’altro la salvezza a maggio scorso con la categoria Allievi Elite. Ad oggi poi la formazione è mista, non sono tutti 2001, ma ci sono molti 2002, è vero che sono i più forti, ma è scontato che poi quando si vanno ad affrontare trasferte romane per giocare contro Vigor Perconti e Certosa o anche con le più abbordabili Villalba e Pro Roma il risultato va in una sola direzione. Qui servono seri provvedimenti o la categoria Elite Under 19, ex Juniores, sparirà quanto prima.
L’ultima occasione per cercare i secondi tre punti stagionali prima della pausa natalizia sarà sabato ad Allumiere contro il Città di Ciampino. 
Altra agonia è quella dell’Under 17 Elite di Adus Amici che al Paglialunga subisce un tonante e secco 9-0 dall’Sff Atletico del tecnico Natalini. Partita dominata in lungo e in largo dagli aeroportuali che sembravano essere protagonisti di una seduta di allenamento più che una partita, visto che i nerazzurri non sono mai stati pervenuti. A sbloccare il risultato è Gallinari dopo 60’’, trascorrono appena 10’ e Cesarini con Caruana fanno 3-0 e come se non bastasse nel finire di tempo Scifoni e Vaglica mettono a segno rispettivamente il 4 e 5-0. Nella ripresa il Civitavecchia resta negli spogliatoi e l’Sff Atletico può tranquillamente dilagare gonfiando la rete di un Fioretti inesistente e altamente insufficiente per una prestazione del tutto inaspettata per il talento classe 2003 che a luglio addirittura affrontò per alcuni giorni la preparazione con la prima squadra. Poco dopo arrivano i sigilli di Gallinari per la sua seconda doppietta stagionale, Calvarese, Reale e D’Avelio. Al triplice fischio, dunque, esultano gli aeroportuali che con questi tre punti accorciano la corsa sulla capolista Tor Tre Teste che ora dista solamente due lunghezze. Per i civitavecchiesi persiste il periodo di crisi e continua ancora la caccia alla prima vittoria stagionale, attualmente i classe 2002 vantano solo dieci sconfitte e tre pareggi con l’ultimo posto in graduatoria a dir poco incommentabile e pensare che lo scorso anno la stessa formazione nel campionato Allievi regionali fascia B con Oliviero in panchina erano arrivati settimi, ma questo ora è solo un bel ricordo, adesso c’è da pensare al presente, ad un presente che fa rimanere basiti centinaia e centinaia di tifosi nerazzurri che hanno paura di perdere la categoria, perché se si continua di questo passo senza cambiare qualcosa l’Under 17 Elite il prossimo anno potrà essere solamente un ricordo. I ragazzi di mister Amici chiuderanno il 2018 domenica prossima all’Anco Marzio di Ostia per sfidare la quintultima della classe Ostiamare di Bonanni reduce dalla vittoria casalinga di misura ai danni del Ladispoli.
Si arrende anche l’Under 15 Elite di Dario Rasi contro la quinta della classe Accademia Calcio Roma che tra le mura amiche batte 4-0 i nerazzurri. Dopo una lunga fase di gioco a passare in vantaggio sono i padroni di casa con Delli Colli che dalla trequarti fa partire un destro potente che si infila alle spalle di De Clementi. I bianconeri vogliono il raddoppio e ci provano con Mocchi, ma il pallone scheggia il palo, alla mezz’ora arriva la reazione dei nerazzurri per ristabilire gli equilibri con Taflaj che prova una gran bella conclusione al volo, ma i riflessi di Buccino sono straordinari. Nella ripresa partono a mille i ragazzi di mister Massimi che appena dopo 35’’ vanno sul 2-0 grazie a Mocchi che mette a segno la sua prima doppietta in campionato. Il tris non tarda ad arrivare e dopo 5’ ci pensa Boschi a far esultare i suoi, mentre il definitivo poker lo sigla il subentrato Marsili per un netto e secco 4-0 che porta i capitolini sulla quinta piazza della classifica a -1 dal Tor di Quinto e di conseguenza condanna il Civitavecchia Calcio al sesto ko stagionale dopo i tre risultati utili consecutivi ottenuti grazie alle due vittorie con Certosa e Tor Sapienza e il pareggio contro lo Spes Artiglio. Un vero peccato aver perso questo sfida, ma espugnare un campo come quello di Via di Settebagni non è affatto facile, in compenso però i classe 2004 rimangono fuori dalla zona playout di due punti insieme al Ladispoli e nel fine settimana nell’ultimo match del 2018 i ragazzi di patron Ambrosi se la dovranno vedere al Di Ianne con l’Ottavia, reduce dalla batosta casalinga per 5-1 subita dalla Vigor Perconti.
L’unica notizia positiva giunge dall’Under 14 Elite del tecnico Diego Michesi che al Don Calabria fa 1-1 contro l’Aurelio Fiamme Azzurre di mister Fiocco. I primi 35’ vedono poche azioni se non quella di Allevi che trova però un reattivo Tondinelli a cui risponde il bianconero Elisei, ma il difensore Quartullo evita il peggio. Poco dopo arriva l’1-0 locale grazie alla bellissima punizione calciata dalla sinistra dal numero sette Belli, i bianconeri non ci stanno, vogliano il pareggio e ci provano per ben due volte, ma l’estremo difensore avversario non si fa sorprendere. I pupilli dell’ex Ambrosi però trovano il pareggio soltanto in pieno recupero grazie a un clamoroso errore commesso dalla retroguardia capitolina che regala un pallone d’oro a Fugalli che supera il portiere Cinti in uscita e appoggia da pochi passi la sfera in rete. Nel secondo tempo mister Michesi rafforza la squadra, lascia lo stesso modulo dell’inizio e mette dentro dal 1’ Cangani al posto di Sargolini e Mellini per Giuli. Al quarto d’ora di gioco i bianconeri vanno vicino al vantaggio con Elisei su calcio di punizione, ma il portiere amaranto devia in angolo, i locali invece forzano il loro pressing e cercano di gonfiare la rete, ma la retroguardia civitavecchiese non concede spazi. Al triplice fischio del direttore di gara dunque è 1-1 e Fiocco con Michesi non possono che spartirsi un punto a testa che fa balzare la Leocon al terzultimo posto in classifica a quota 10 punti all’attivo insieme alla Totti Soccer School in piena zona playout, mentre i romani rimangono al penultimo posto in compagnia della Romulea con 7 lunghezze a +3 dal fanalino di coda Viterbese Castrense. Nel weekend i classe 2005 faranno visita nella capitale per sfidare il Giardinetti di mister Ruperto che vanta cinque punti di vantaggio sui tirrenici.
Una settimana dunque molto travagliata per questa compagine, i recenti fatti accaduti la settimana scorsa sembra non aver scosso nessuno, d’altronde il far west ha interessato solamente la compagine ospite della Vigor Perconti, e fin qui nulla di strano, ma a questo punto però è doveroso chiedersi per quale motivo i genitori hanno voluto tassativamente dichiarare la loro incolpevolezza, come mai alcune mamme e papà hanno voluto scaricare le imperizie ai tifosi blaugrana come se loro non avessero fatto niente? Sembra assurdo, ma per salvaguardare il buon nome della Leocon sono riusciti, ancor prima del numero uno Stefano Ambrosi, a tirare fuori dal cilindro storie di ogni tipo, anche quando il comunicato ufficiale del giudice sportivo emanato giovedì scorso ha parlato chiaro.
Ottimi risultati ottenuto per i tre team regionali che hanno fatto l’en plein.
L’Under 16 regionale di Mauro Zampollini batte tra le mura amiche 3-1 il Vis Aurelia. Una bella vittoria importante e fondamentale che fa salire i nerazzurri al quarto posto in classifica a -2 dalla terza piazza occupata dalla Dabliu New Team. Un percorso finora eccezionale quello dei classi 2003 che il prossimo anno meritano senza ombra di dubbio l’Elite, ma come stanno messe le cose ora come ora sembra essere un sogno vista la situazione dei 2002, ma la stagione è ancora lunga. I classe 2003 sabato chiuderanno l’anno in casa del Calcio Tuscia in un campo in terra difficile per tutti.
L’Under 15 regionale di Michele Romano asfalta a Viale Giulio Bianconi 4-1 il Fiumicino 1926. Una vittoria meritata per i classe 2004  che superano di due punti la zona playout stazionando al quintultimo posto della lista in solitaria a quota 9 punti all’attivo dopo undici match disputati. Nel fine settimana i bianconeri targati Leocon faranno visita alla compagine capitolina dell’Honey Soccer City.
L’Under 14 regionale di Nello Savino trionfa in casa per 2-1 ai danni del Vis Aurelia. Una gran bella prova di carattere per i 2005 nerazzurri che grazie ai tre punti si posizionano a metà classifica con 10 lunghezze insieme alla Pol. De Rossi a -4 dai cugini del Dlf. Sabato chiuderanno il 2018 a Fiumicino per sfidare la complicata squadra prima della classe Sff Atletico che finora non ha mai perso.
L’Under 19 provinciale di Luca Mariantoni di vincere non ne vuole proprio sapere. Su nove partite giocate solo sette sconfitte e due segni ics. Sabato al Di Ianne gli ospiti del Virtus Bracciano hanno avuto la meglio passando con il punteggio di 3-2. Con questo ennesimo passo falso i bianconeri rimangono all’ultimo posto in classifica insieme al Real Aurelio con soli due punti all’attivo in attesa della partita di sabato prima della sosta natalizia contro l’ottava della classe Tevere Roma.
Si conclude con tre vittorie, un pareggio e ben quattro sconfitte il fine settimana nerazzurro-bianconero, un weekend che ha il sapore del mantra, sicuramente la cosa migliore per tutti, società in primis e squadre in secundis è disputare l’ultima partita prima delle vacanze natalizie e poi godersi a pieno il Natale, così da pensare e meditare sugli eventuali sbagli commessi e caricarsi per cercare di poter affrontare un dignitoso girone di ritorno per far tornare il sorriso a quei tifosi che da una vita tifano lo storico club centenario del Civitavecchia Calcio 1920, ma che ad oggi purtroppo si sentono delusi da quello che vedono ogni settimana: settore giovanile e prima squadra compresa.

ULTIME NEWS