Pubblicato il

Agraria Tarquinia, messa in mora  per gli amministratori degli ultimi 15 anni

Agraria Tarquinia, messa in mora  per gli amministratori degli ultimi 15 anni

Recapitate le lettere con l’intento di recuperare parte del ‘‘buco’’ di 4 milioni  

TARQUINIA “Messa in mora” per gli ex amministratori dell’Università Agraria di Tarquinia. L’attuale maggioranza che guida l’ente di via Garibaldi ha inviato nei giorni scorsi le missive indirizzate ai presidenti e agli assessori che hanno guidato l’ Agraria negli ultimi 15 anni, e anche oltre. Un primo passaggio che prevede proprio la “messa in mora”, cioè un’intimazione ufficiale (ai sensi dell’articolo 1219 del codice civile e inviata per pec o lettera raccomandata) nei confronti degli ex amministratori. La giunta guidata dal presidente  Sergio Borzacchi dell’Agraria ha di fatto avviato la procedura per il recupero dell’enorme somma che avrebbe generato il buco di bilancio dell’ente, che supera i 4 milioni di euro. Le lettere sarebbero state recapitate anche a chi ha amministrato l’Agraria oltre 15 anni fa con un improbabile intento di recuperare i soldi da chi ha guidato l’Ente in anni così lontani e che di certo non ha lasciato “buchi” nel bilancio. Chi ha guidato l’Agraria in epoche più recenti, alla luce della missiva potrà in ogni caso avanzare risposte ed osservazioni a propria discolpa e spiegare la bontà del proprio operato.

ULTIME NEWS