Pubblicato il

Inchiesta Pas: presentata opposizione alla richiesta di archiviazione

Inchiesta Pas: presentata opposizione alla richiesta di archiviazione

In udienza preliminare si deciderà sulla posizione del presidente Di Majo. Oggi riunione a Molo Vespucci con i sindacati confederali

CIVITAVECCHIA – Sarà il giudice per le udienze preliminari a decidere in merito all’inchiesta relativa alla nomina dei vertici della Pas, la Port Authority Security, che vedeva indagato il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Francesco Maria di Majo. Dopo la richiesta di archiviazione, infatti, da parte della Procura – con la notizia confermata dagli avvocati del numero uno dell’ente, i legali Lorenzo Mereu e Claudio Urciuoli – è stata depositata nei giorni scorsi l’opposizione da parte del professionista locale che aveva presentato l’esposto. (agg. 20/12 ore 9.10) segue

L’UDIENZA PRELIMINARE. Un passo scontato, con la palla che passa ora in udienza preliminare, con il giudice che dovrà decidere se condividere o meno le motivazioni della Procura, accogliere l’opposizione o procedere direttamente con l’imputazione coattiva. 

Intanto procedono le indagini relative proprio alla Pas, con la Polizia di frontiera che, nei giorni scorsi, ha ascoltato per diverse ore la segretaria generale di Molo Vespucci, Roberta Macii, come persona informata dei fatti, su assunzioni, consulenze e pagamenti; e questo dopo aver ascoltato già tutti i dipendenti della società controllata al 100% dall’Adsp. (agg. 20/12 ore 9.50)

LA RIUNIONE. E proprio a Molo Vespucci, considerate le ultime vicende e la mancata approvazione ancora del Poa 2018, è convocata per oggi una riunione con i sindacati confederali per fare il punto della situazione, verificando anche la sostenibilità della stessa società.  (agg. 20/12 ore 10.20)

ULTIME NEWS