Pubblicato il

Verdi e Italia in Comune insieme alle europee

Verdi e Italia in Comune insieme alle europee

Il sindaco Pascucci porta a casa un altro importante risultato

di TONI MORETTI

CERVETERI – Il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci porta a casa un altro importante risultato per se e per il suo movimento Italia in Comune con un accordo che li porta alle elezioni con una forza rilevante a livello europeo. 
Nella mattinata di venerdì scorso all’hotel dei Borgognoni a Roma è stato presentato il progetto dei Verdi Europei e di Italia in Comune, insieme per le prossime elezioni europee alla presenza del capogruppo di Verdi Europei (European Greens) all’Europarlamento Philippe Lamberts con Elena Grandi e Matteo Badiali, co-portavoce della Federazione Verdi, Federico Pizzarotti, presidente di Italia in Comune (oltre che sindaco di Parma), Monica Frassoni co-presidente dei Verdi europei. 
Il progetto #OndaverdeEcivica bandisce i sovranismi e l’anti-europeismo, privilegiando  l’economia sostenibile, la pace, l’accoglienza.  
La soglia-monstre del 4% prevista dalla legge elettorale per il Parlamento europeo non spaventa i protagonisti di questo tentativo di sinergia ambientale e civica, che esclude a priori ogni intesa con M5S e Lega e considera il Pd in fase di «implosione». «Hanno il loro congresso, che non ci riguarda. Noi andiamo avanti per la nostra strada» è il leit motiv che predomina, nei ragionamenti esposti alla conferenza stampa cui hanno partecipato anche Marco Affronte, Carmine Maturo, Rossella Muroni. 
«Contano i contenuti, non le alleanze, i fatti e non le parole» scandisce Pizzarotti. «In campo ci sono 2/300 tra sindaci e amministratori e aumentano di giorno in giorno» assicura il sindaco Alessio Pascucci, coordinatore nazionale di Italia in Comune. La scommessa che accomuna tutti è di mobilitare coloro che hanno verificato il lato «posticcio dell’ambientalismo M5S» e di far passare il messaggio che «non siamo quelli dei parchi e dei fiori», «non siamo quelli del no a tutto» bensì «quelli favorevoli allo sviluppo di un’economia sostenibile, che è in grado di far incontrare chi non arriva alla fine del mese con chi si batte per i destini del pianeta».

 

ULTIME NEWS