Pubblicato il

Hcs, fissata l’udienza per il concordato

C’è la data: il 28 febbraio il giudice deciderà le sorti della vecchia partecipata. Cozzolino: "Probabilmente si chiuderà una delle pagine più tristi della storia dell’amministrazione di Civitavecchia"

C’è la data: il 28 febbraio il giudice deciderà le sorti della vecchia partecipata. Cozzolino: "Probabilmente si chiuderà una delle pagine più tristi della storia dell’amministrazione di Civitavecchia"

CIVITAVECCHIA – «Fissata l’udienza per l’omologa del concordato per Hcs al 28 febbraio». Lo ha dichiarato il sindaco pentastellato Antonio Cozzolino. Già nei giorni scorsi se ne era parlato  perché «come sapete i commissari liquidatori hanno depositato la proposta di omologa del concordato – ha continuato il primo cittadino – perché il quorum dei creditori dei votanti è stato raggiunto».

La manca conferma formale arriverà a seguito dell’udienza. Duro il sindaco Cozzolino: «Probabilmente si chiuderà una delle pagine più tristi della storia dell’amministrazione di Civitavecchia. Quel groviglio indecoroso – ha tuonato il primo cittadino – che si chiama Hcs, che voleva essere un modo per gestire meglio i servizi pubblici che invece si è rivelato un modo per dare qualche incarico a qualcuno e ha soltanto portato nel baratro i servizi pubblici della città». Cozzolino si è detto soddisfatto del risultato raggiunto soprattutto tenendo conto delle «decine di milioni di euro di debiti, un concordato in bianco presentato dal precedente Sindaco e bocciato dal Tribunale – ha dichiarato nei gironi scorsi – per non plausibilità delle fonti di finanziamento, un sistema di partecipate buono solo per moltiplicare le poltrone con servizi assai scadenti a costi esagerati. Abbiamo lavorato duramente in questi anni per mantenere i servizi pubblici e mettere la macchina sui giusti binari: una sola partecipata, con un presidente scelto ad evidenza pubblica, servizi che vanno migliorati a costi che vanno ridotti e soprattutto non gravata da debiti plurimilionari e con interessi di mora paurosi».

ULTIME NEWS