Pubblicato il

Scontro in Comune sull’operato della Commissione Politiche Sociali

Scontro in Comune sull’operato della Commissione Politiche Sociali

Fiumicino. Severini e D’Intino: "Omissioni inaccettabili", la replica di Anselmi: "Tutte bugie"

FIUMICINO – «Da 4 settimana la Commissione Politiche sociali non riesce a discutere lo stesso ordine del giorno, in quanto il confronto è impossibile per l’assenza dell’assessore competente, del dirigente e del funzionario. Un ritardo e una disattenzione inaccettabili, in considerazione dell’importanza sociale dei temi in discussione, primo tra tutti quello del bando sui cosiddetti ‘gravissimi’».Lo afferma una nota a firma dei consiglieri di minoranza, Vincenzo D’Intino e Roberto Severini. 
«Per l’ennesima volta la Commissione si è aperta in maniera molto polemica, tra lo sconcerto anche dei membri di maggioranza, senza poter avviare una seria discussione. Ancor più grave ciò che è accaduto alla fine della Commissione. Si è presentata l’assessore Annamaria Anselmi, affermando come il bando sui “gravissimi”, in lavorazione da agosto 2018 ma mai discusso né analizzato dalla Commissione, sia già alla firma del dirigente Asl, bypassando di fatto l’organismo comunale preposto all’analisi. Poi la solita litania sulla mancanza di fondi, sui lavori fatti in costante emergenza; giustificazioni che, guardando come sono state gestite le risorse in Bilancio, fa più rabbia che altro. Poi l’assurda considerazione che la responsabilità della mancanza di dialogo sia colpa del Presidente della Commissione, reo di non relazionarsi correttamente con l’assessorato, come se il dare risposte ai membri di una Commissione sui temi in discussione passasse non per un dovere istituzionale ma per i buoni rapporti individuali. Ciò che diventa evidente, osservando questa situazione, è la distanza tra la parte politica e la parte tecnico- dirigenziale in seno al Comune, l’incrinatura all’interno della stessa maggioranza sul modus operandi utilizzato ormai di frequente e la carenza di democrazia vista l’impossibilità di discutere concretamente sui problemi della città. E questo problema – concludono i consiglieri – la prossima settimana sarà portato in Commissione Trasparenza». Immediata la replica dell’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fiumicino. Anselmi, che così risponde: «Ho letto con particolare sorpresa quanto affermano i consiglieri D’Intino e Severini a proposito di presunti ritardi ed omissioni in commissione Politiche Sociali». «Secondo i due consiglieri d’opposizione, la commissione avrebbe difficoltà a discutere gli ordini del giorno e l’assessorato sarebbe assente – continua Anselmi -. Basta leggere i verbali della commissione stessa per vedere con i propri occhi che ho sempre presenziato alle sedute di commissione a cui sono stata invitata, tranne che in due occasioni in cui ero impossibilitata. Mentono, dunque». «Ancora, abbiamo sempre risposto puntualmente ai quesiti posti in commissione – aggiunge -. Naturalmente, nei limiti delle competenze della commissione stessa, come prevedono il Testo Unico degli Enti Locali e il decreto legislativo 267/2000. A Severini e D’Intino forse sfugge la differenza tra ruolo amministrativo e ruolo politico – prosegue l’assessore -. Per altro, sbagliano a insinuare che nella maggioranza ci siano spaccature, perché invece è salda e compatta». «E’ singolare, infine – conclude Anselmi – che proprio due componenti del consiglio comunale, l’organo che rappresenta l’espressione democratica massima in un comune, che approva atti fondamentali come il bilancio e il documento programmatico, parlino di assenza di democrazia».

ULTIME NEWS