Pubblicato il

FdI sostiene Grasso e lancia le primarie

FdI sostiene Grasso e lancia le primarie

Il coordinatore Silvestroni conferma l’appoggio al  candidato de La Svolta. Il dirigente provinciale meloniano invita Lega e Forza Italia a rimanere uniti

CIVITAVECCHIA – “Facciamo chiarezza”. L’intento del coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Marco Silvestroni è chiaro sin dalle prime righe della nota inviata ieri alle redazioni. Il coordinatore conferma in maniera univoca il pieno sostegno al candidato civico Massimiliano Grasso: «Fratelli d’Italia conferma pieno sostegno alla candidatura a Sindaco di Massimiliano Grasso, che è il rappresentante del progetto politico costruito da FdI insieme agli altri partiti di centrodestra ed alcune liste civiche». Al tempo stesso però FdI per ricercare l’unità di tutta la coalizione lancia una proposta destinata a far discutere: le primarie di coalizione. “Qualora gli amici della Lega o di Forza Italia volessero proporre candidature alternative, per il bene di Civitavecchia e per tentare, fino all’ultimo, di presentare un progetto politico unitario di centrodestra, Fratelli d’Italia proporrà di coinvolgere nella scelta definitiva del candidato unitario gli stessi elettori, mediante le primarie, meccanismo di democrazia diretta e partecipata nel quale il nostro partito da sempre crede”.

Le parole di Silvestroni hanno portato diversi rappresentanti politici, soprattutto della Lega, a prendere tempo, prima di dare una risposta definitiva. Tra impegni improrogabili e chiamate senza risposta a prendere posizione è stata Emanuela Mari vice coordinatrice di Forza Italia: «Le primarie sono uno degli strumenti possibili per arrivare alla scelta del candidato. Se sono fatte con regole chiare non vedo nulla di negativo, anzi. Noi di Forza Italia credo riuniremo un direttivo e parleremo di questa proposta».

Convinto della proposta anche Massimiliano Grasso che non teme l’urna: «Sono da mesi che le propongo. La Svolta le chiedeva già da novembre. Ora arriva anche la proposta di uno dei partiti di centrodestra. Speriamo ci sia almeno la condivisione nel dar la parola ai cittadini».

In serata arriva il commento del coordinatore di FI Roberto D’Ottavio: «Io sono favorevole alle primarie ma solo se venissero approvate da un disegno di legge chiaro da parte del Parlamento. Altrimenti potrebbe succedere di tutto. Lasciamo dialogare i rappresentanti locali».

Il problema, però, è proprio nei rappresentanti locali che appaiono incapaci a trovare una sintesi: quasi cinque mesi fa proprio D’Ottavio ha chiesto alla Lega di presentare un proprio candidato da contrapporre a Grasso, votato dal direttivo di Forza Italia e più volte “candidato” dallo stesso D’Ottavio. Ad oggi la candidatura di Enrico Zappacosta è il segreto di Pulcinella: tutti lo sanno, tutti ne parlano, lui parla con tutti da candidato, ma ufficialmente la Lega il suo nome ancora non lo ha fatto. Ciò che desta stupore è proprio la linea di condotta di Forza Italia, che pur essendo a Civitavecchia ancora potenzialmente il primo partito della coalizione, stando ai risultati delle regionali, ha preferito abdicare al proprio ruolo rischiando di compromettere un progetto vincente. 

 

ULTIME NEWS