Pubblicato il

Monte Augiano: interventi sull'impianto di potabilizzazione

Monte Augiano: interventi sull'impianto di potabilizzazione

CIVITAVECCHIA – Interventi di manutenzioni presso l’impianto di potabilizzazione di Monte Augiano dove ieri è arrivato il carbone attivo necessario per la sostituzione dei due filtri. “Attività fondamentale per il controllo della qualità dell’acqua dopo la potabilizzazione e la disinfezione – ha spiegato l’assessore Alessandro ceccarelli – inoltre siamo al quarto ripristino completo dei 5 filtri a sabbia con attività programmata a breve per la conclusione dell’ultima riparazione. Ciò si aggiunge agli interventi fatti a fine gennaio, quando sono stati messi in funzione due nuovi gruppi di sollevamento dall’impianto di potabilizzazione verso Civitavecchia”.

L’assessore ai Lavori Pubblici ha quindi colto l’occasione per ricordare gli altri interventi realizzati negli ultimi anni anche grazie alla modifica delle prescrizioni Via di Tvn. “Sono stati installati, lungo l’impianto di distribuzione cittadina, i nuovi cloratori – ha spiegato – sono state fornite pompe di sollevamento dal bacino di captazione, valvole e strumentazioni previste dai nostri progetti per il controllo a distanza della distribuzione, e che saranno montate da Acea, e fra non molto arriverà anche un nuovo autospurgo al servizio degli uffici tecnici del Comune in sostituzione di quello vetusto che era in dotazione e che sarà impiegato principalmente per la manutenzione continua dei tombini di raccolta della acque piovane. Il totale degli interventi supera il milione di euro. Questo denaro, che Acea Ato2 avrebbe comunque dovuto spendere per fornire il servizio, non andrà in bolletta. Quando penso alla situazione ereditata da quest’amministrazione, con pompe di sollevamento che si rompevano in continuazione, filtri arrivati ormai alla fine della loro vita, carboni attivi ormai esauriti, e potrei continuare ancora a lungo – ha sottolineato – non posso che essere soddisfatto del lavoro svolto per recuperare terreno dopo decenni di mancata manutenzione ordinaria e straordinaria. C’è ancora del lavoro da fare per arrivare ad una situazione ottimale e siamo in costante contatto con i responsabili di Acea, a cui è stato affidato il servizio idrico dopo la sentenza del Consiglio di Stato, per far sì – ha concluso – che questi lavori vengano svolti con modalità e tempi idonei”.

ULTIME NEWS