Pubblicato il

Bartolini rischia l’isolamento a Gauche

CIVITAVECCHIA – C’è chi tenta la strada del dialogo e delle convergenze, chi quella della visibilità. Anche a costo di sparare contro una sinistra che dopo anni di assenza ha ricominciato sorprendentemente a calcare il palcoscenico della politica.  In questo contesto si inserisce a pieno titolo Lucia Bartolini, la cui esperienza in Sinistra Italiana è tramontata sul nascere e che ora ci riprova con l’associazione ‘A Gauche’’. Solo che di sedersi al tavolo delle alleanze per discutere di programmi e iniziative non ci pensa minimamente. Troppo alto il rischio di scomparire, meglio allora tentare la fuga in avanti a colpi di comunicati stampa. Così, proprio come fece nel 2001 quando si candidò a Sindaco con ‘‘Civitavecchia Europa’’ spaccando pretestuosamente con l’Ulivo dopo averlo pubblicamente (a mezzo stampa) definito «non abbastanza convincente», ci riprova con ‘‘A Gauche’’ e spara contro la sinistra alla quale per logica anche lei dovrebbe appartenere. Oggi interviene su alcuni temi, tra cui inquinamento, Enel, ex Italcementi e porto, e per non tradire il suo stile afferma: «Non un fiato è stato esalato dalla sinistra civitavecchiese. In un simile clima non c’è da stupirsi che ultimi sporadici appuntamenti in piazza siano stati malamente disertati». Scarsa partecipazione prevista fin dall’inizio dagli organizzatori per via del luogo, del giorno e dell’orario. Ma non si poteva fare di più. Va invece evidenziato che proprio la Bartolini ha disertato gli appuntamenti, dopo aver aderito in forma scritta. Oggi ritratta, rifà i conti, ci ripensa e rielabora i suoi concetti ‘‘di sinistra’’. Nel 2001 superò le 350 preferenze. Oggi rischia seriamente di rimanere isolata. A Gauche. 

ULTIME NEWS