Pubblicato il

Rimosso il barcone affondato nel fiume

Rimosso il barcone affondato nel fiume

Fiumicino. Specchio d’acqua interdetto per consentire le operazioni di recupero. Il natante era sprofondato nel Porto Canale a causa di un tronco

FIUMICINO – Il fiume Tevere è stato liberato dal relitto del barcone-ristorante “Azzurra”, lungo circa 20 metri, semi affondato qualche giorno fa, forse a causa di un colpo ricevuto lateralmente, sulla fiancata sinistra dello scafo, da un tronco in discesa verso il mare. 
Il relitto, al centro del Porto Canale, vicinissimo al ponte Due Giugno, rappresentava un serio pericolo per la navigazione e per la sicurezza dell’area. Per questo la Capitaneria di Porto si è immediatamente attivata con i proprietari dell’imbarcazione, l’armatore Giovanni Ranucci, allo scopo di ripristinare le condizioni di sicurezza e liberare l’alveo del fiume. Nelle scorse era stata stata firmata dal comandante della Capitaneria di Porto di Roma, Filippo Marini, l’ordinanza n.13/2019 (pubblicata sul sito della Capitaneria) per la rimozione dell’imbarcazione e il ripristino dei luoghi. Dalle 10 di  ieri mattina, è scattata l’interdizione dello specchio acqueo riservato ai lavori: gru, palloni e sommozzatori saranno al lavoro per riportare il Tevere in sicurezza. Da sottolineare la scelta della Guardia Costiera di far iniziare i lavori alle 10, consentendo dunque il sollevamento del ponte alle 9,30 e tutelando le attività che hanno necessità del passaggio.

ULTIME NEWS