Pubblicato il

Tarquinia, riaperto il centro di aggregazione giovanile

Tarquinia, riaperto il centro di aggregazione giovanile

Da ieri di nuovo attiva l’importante struttura per i ragazzi della città Della Rocca: «Per ora solo una proroga. Il prossimo sindaco faccia l’impossibile per scongiurare la chiusura»

TARQUINIA – “Siamo tornati”. Il Centro di aggregazione giovanile dopo due mesi di chiusura ha riaperto i battenti ieri. Lo hanno annunciato i ragazzi sulla pagina Facebook, soddisfatti della proroga al servizio concessa dal commissario straordinario dopo le polemiche giunte dalle varie forze politiche.
“Vogliamo ringraziare le tantissime persone che ci hanno supportato in questo periodo – è riportato nel post Facebook – e che hanno speso parole meravigliose per il servizio, trasmettendoci una nuova energia e tanta voglia di continuare. Grazie a tutti coloro che credono nel Centro aggregazione di Tarquinia”. Il Cag di via delle Torri sarà, quindi, aperto con i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30. Martedì pomeriggio chiuso; martedì e giovedì mattina dalle 10 alle 12. Per qualsiasi informazione:  cag.informagio[email protected]; telefono 0766 840940.
Sulla notizia della riapertura si dice soddisfatto Rinaldo Della Rocca della Lega Tuscia che però mette in guardia. “Esprimiamo il nostro plauso per la riapertura del Centro di aggregazione giovanile di Tarquinia, anche se – afferma –  per ‘‘soli’’ 60 giorni in proroga con una somma destinata alquanto misera, ma è un passo avanti, augurandoci che il prossimo Sindaco eletto faccia l’impossibile per scongiurare la chiusura di una così rilevante ed importante struttura per i giovani”.
“Oramai siamo agli sgoccioli per la presentazione delle liste, – aggiunge Della Rocca – confermando la nostra presenza in un contesto compatto di centrodestra, riteniamo sia importante per riflettere il risultato ottenuto con la vittoria in Abruzzo, dove appunto la coalizione compatta dimostra l’opposto di chi, in momenti di esagerata ‘‘euforia’’ voglia correre da solo, e non ci riferiamo solo a Tarquinia, ma anche Civita Castellana e Tuscania”.
 

ULTIME NEWS