Pubblicato il

Rapinatore seriale in manette: la Polizia  incastra l’autore di ben 7 colpi commessi in città

MODENA -La Squadra Mobile di Modena ha tratto in arresto, in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Modena, un cittadino marocchino di 34 anni, ritenuto responsabile di ben 7 episodi criminali tra scippi e rapine violente. L’attività investigativa, condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Procura della Repubblica di Modena nella persona del dott. Imperato, è iniziata lo scorso gennaio e ha permesso di raccogliere indizi sufficienti per incastrare il marocchino, addebitandogli una serie di reati ai danni di donne, commessi tutti a Modena, il primo a partire dall’ottobre 2017, ma non è escluso possano emergere altri episodi a lui imputabili.

 

AGGREDIVA LE SUE VITTIME IN LUOGHI ISOLATI

Il modus operandi era sempre il medesimo: studiava le proprie vittime per poi aggredirle anche con violenza quando si trovavano in luoghi isolati, sorprendendole alle spalle e rubando loro oro e gioielli; in genere, aspettava che salissero sull’auto per poi aprire la portiera e strappare loro i monili oppure seguendole fin sotto casa e aggredendole una volta entrate nell’androne del palazzo. Quindi scappava in sella alla propria bicicletta. La prima vittima, nell’ottobre del 2017, è stata una signora di 64 anni sorpresa all’interno dell’auto nel parcheggio del centro commerciale “La Rotonda” e derubata della propria collana. La seconda, una cittadina ucraina di 36 anni, sorpresa mentre accedeva nell’androne di casa, la quale dopo essere stata spinta alle spalle ed afferrata al collo, è stata derubata della collana. Il 19 settembre, all’interno del Parco Amendola, il marocchino ha aggredito una coppia strappando la collana alla donna e usando violenza nei confronti del marito che aveva tentato di impedirgli la fuga, cagionandogli la frattura del setto nasale e lo scheggiamento di due denti. È stata poi la volta di una donna di 77 anni che stava riponendo la spesa nel bagagliaio dell’auto nel parcheggio del centro commerciale “La Rotonda”. (Agg.26/2 ore 18,39)

RINTRACCIATO PRESSO L’ABITAZIONE DI UN’AMICA

Dopo averla aggredita alle spalle, le ha strappato la collana ed è fuggito in bici. Gli altri tre episodi sono stati commessi a febbraio: altre tre donne le vittime, di 70, 69 e 64 anni, la prima mentre entrava nel proprio condominio, le altre due mentre percorrevano rispettivamente via Zurlini e via Fratelli Rosselli, alle quali il marocchino ha strappato i gioielli usando particolare violenza. L’uomo, senza fissa dimora ed irregolare in Italia, dal momento che nel 2017 gli è stata rigettata la richiesta di asilo, è stato rintracciato sabato mattina in via Archirola presso l’abitazione di una amica, totalmente estranea ed ignara dei fatti, e tradotto presso la locale Casa circondariale, a disposizione dell’autorità giudiziaria. (Agg.26/2 ore 18,43)

ULTIME NEWS