Pubblicato il

Una città in apprensione

Una città in apprensione

È appesa ad un filo la vita della piccola di due anni che, sabato mattina, è rimasta soffocata da un pezzo di banana. La bimba è ricoverata ancora in prognosi riservata al Policlinico Gemelli di Roma: le sue condizioni rimangono critiche 

CIVITAVECCHIA – Rimangono critiche le condizioni della bimba di soli due anni, soffocata sabato mattina da un boccone di banana. La piccola è ancora ricoverata in prognosi riservata al Policlinico Gemelli di Roma: le sue condizioni rimangono critiche. La sua vita è appesa ad un filo. Queste ore, infatti, sono fondamentali per i medici per capire se la piccola avrà la forza necessaria e, soprattutto, valutare eventuali possibili danni a livello cerebrale e respiratorio, dovuti al troppo tempo trascorso senza ossigeno. Un tempo infinito per i familiari, che vegliano su di lei e non l’hanno mai lasciata sola in queste delicatissime ore, in una stanza della terapia intensiva pediatrica del policlinico romano. Una tragedia che ha sconvolto la città intera, in apprensione per le sorti della piccolina: sui social, da quando si è appresa la notizia, è un tam tam di commenti, tra preghiere, speranze e disperazione. Si spera ancora in un miracolo. Quello che potrebbe salvare la vita alla piccola. La bimba è rimasta soffocata da un pezzo di banana che sabato mattina, mentre era in casa con il papà, le è andato di traverso. Erano le 11 circa. Si sono susseguiti attimi concitati. Il boccone che non va giù. La bambina che non riesce più a respirare, diventa cianotica, finisce in arresto cardiaco. Nel frattempo il papà si accorge del dramma, interviene per cercare di farle espellere la banana, ma invano. Arrivano i soccorsi, con il padre che ancora in pigiamo porta la bimba in strada, in braccio, urlando disperato. La situazione appare subito critica. Il cuoricino della bimba continua a battere, ma il corpo estraneo non riesce ad uscire. Da lì la corsa disperata prima al San Paolo, scortati da una volante della Polizia, poi diretti al Policlinico Gemelli di Roma. Una lotta per la vita, quella della bimba. Le sue condizioni sono ancora gravissime, la prognosi rimane riservata. 

 

 

ULTIME NEWS