Pubblicato il

In funzione la macchina tappabuche

In funzione la macchina tappabuche

Per circa dieci giorni si interverrà per la manutenzione ordinaria delle strade di Cerveteri e Cerenova. E’ prevista la posa di oltre 40 metri cubi di materiale, utili per colmare almeno un migliaio di buche  

CERVETERI – Come annunciato da ieri, in funzione la macchina Tappabuche sul territorio comunale di Cerveteri. Per circa dieci giorni si interverrà infatti per la manutenzione ordinaria delle strade di Cerveteri e  Cerenova utilizzando il metodo Tappabuche, che spiega il vicesindaco e assessore alle opere pubbliche Zito «è un sistema brevettato che permette un trattamento integrato in un singolo intervento: buche o fessurazioni vengono colmate a caldo con una procedura e con materiali brevettai (emulsioni bituminose modificate) per prevenire i deterioramenti causati dalle infiltrazioni che il rappezzo a freddo non riesce a scongiurare». 
Il metodo utilizzato da questo macchinario prevede: la pulizia della buca mediante aria compressa per l’asportazione di tutti i sedimenti all’interno di essa, in modo da ottimizzare l’adesione dell’emulsione bituminosa. La preparazione del fondo con emulsione speciale e modificata, spruzzata ad una temperatura tra i 50 e 60 gradi con funzione di «aggrappante». Il getto di graniglia, di diverse granulometrie a seconda della profondità della buca, miscelata all’emulsione, fino al riempimento della stessa. Lo spargimento di sabbia e graniglia fine ed asciutta con eventuale livellamento, tramite piastra vibrante per il ripristino della viabilità in tempi molto ristretti creando il minor disagio possibile all’utenza.
La macchina Tappabuche, consente di affermare una strategia indirizzata alla conservazione del manto attraverso una manutenzione efficace perché più semplice ed economica del rifacimento dell’intera fondazione stradale. La riparazione delle buche causate dal deterioramento del conglomerato bituminoso, grazie ad un tecnologia già diffusa e collaudata in molti Paesi, consente non solo di risolvere il problema contingente, ma anche di effettuare un ripristino che elimina la ricorrenza del fenomeno.
Pertanto una soluzione che oltre a garantire un intervento duraturo nel tempo potrebbe aiutarci ad allungare la vita delle nostre strade.
Il servizio sarà svolto dalla Combicons, società che importa e commercializza questo macchinario e prevede la posa di oltre 40 metri cubi di materiale, utili per colmare almeno un migliaio di buche.
La sperimentazione servirà a valutare le prestazioni di questo macchinario, capirne meglio le necessità manutentive e la versatilità, in modo da poter esaminare l’opportunità di un utilizzo continuativo da parte del comune di Cerveteri. 

ULTIME NEWS