Pubblicato il

Piano triennale delle opere: tre le priorità dell'assessore Ceccarelli

Piano triennale delle opere: tre le priorità dell'assessore Ceccarelli

CIVITAVECCHIA – Sono tre le priorità indicate dall’assessore Alessandro Ceccarelli e inserite all’interno del piano triennale delle opere. Un piano presentato ieri in consiglio comunale, insieme al documento unico di programmazione, ed approvato soltanto dalla maggioranza, con l’opposizione che, ancora una volta, ha bocciato l’operato dell’amministrazione, parlando di un piano triennale “copia e incolla” di quelli passati, che non hanno portato però i risultati auspicati. 

“Le tre priorità sono quelle di mettere a posto il depuratore – afferma Ceccarelli – il rifacimento di Piazza Regina Margherita e della terrazza Guglielmi. Queste sono le tre opere principali. Se vogliamo vedere dal punto di vista economico, tolto l’intervento sul depuratore, quello più importante è il rifacimento del molo, della barriera frangiflutti. Poi c’è la sistemazione di corso Centocelle e i lavori sulle scuole. Il danno alla barriera frangiflutti ha tolto risorse che volevamo destinare al rifacimento delle strade”. Nel piano annuale sono inseriti interventi come la costruzione di loculi e loculini per circa 850mila euro, assetto e riqualificazione della spiaggia libera del Marangone, realizzazione del nuovo canile comunale con annesso cimitero per animali, lavori di messa a norma della Marina e di corso Centocelle, ristrutturazione e messa a norma della media Calamatta e manutenzione straordinaria barriera frangiflutto a protezione dell’anfiteatro della Marina. 

Proprio su quest’ultimo aspetto è intervenuto il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso, andando a criticare quanto approvato dai Cinque Stelle. “Secondo noi i 6 milioni necessari per la barriera frangiflutti – ha spiegato – potrebbero essere chieste come opere compensative all’Autorità Portuale visto che lì si aprirà la bocca a sud del porto. Il voto che dò all’amministrazione è insufficiente perché pur riconoscendo le emergenze che sono state ereditate, credo che si siano troppo soffermati a guardare indietro, senza dare risposte concrete alla città”.

ULTIME NEWS