Pubblicato il

''Un candidato sindaco svincolato dalla partitocrazia''

''Un candidato sindaco svincolato dalla partitocrazia''

E’ l’auspicio di Civicamente che insieme a Idea Sviluppo ed altri punta alla costruzione di un nuovo soggetto politico

TARQUINIA – Il gruppo Civicamente punta ad aggregare quante più esperienze positive possibili, auspicando un candidato sindaco fuori dalle logiche partitiche. “Stupore e preoccupazione per quanto sta accadendo, – affermano da Civicamente –  stando almeno alle notizie diffuse dalla stampa locale, in relazione alle presunte manovre di “ricollocamento” e posizionamento di soggetti politici vecchi e nuovi o diversamente noti. Concentriamo, però, la nostra attenzione su Tarquinia, la nostra città, sulle persone e le esigenze della comunità, non dimenticando i problemi e le numerose criticità, a cui si debbono  dare attenzioni e risposte urgenti. Tutti coloro che, realmente, hanno a cuore le sorti future della nostra città non possono non pensare che ci sia bisogno di una collettiva apertura mentale che sia in grado di accantonare ciò che rappresenta un passato sin troppo noto e persino usurato. Il riproporsi di schemi fatti di rivalse, vendette o ambizioni  personali non potrà che nuocere alla già provata cittadinanza”.
“Per questo sentiamo la necessità di precisare che il nostro primo obbiettivo, in vista della tornata elettorale per le elezioni amministrative, è quello di aggregare quante più esperienze positive possibili per configurare una proposta solida, seria ed auspicabilmente vincente. Un taglio netto con il passato, recuperando da questo solo le esperienze e non la presunzione. Per  tali finalità chiediamo quindi, a chi vuole partecipare alla costruzione di un nuovo soggetto politico insieme a “Civicamente” e ad altre  rappresentanze della società civile (Idea Sviluppo e altri) non “un passo indietro” ma “un passo in avanti” in senso progettuale per consentire la massima aggregazione utile e propositiva possibile”.
“Con questa finalità – conclude la lista Civicamente – immaginiamo una candidatura a Sindaco che possa costituire una figura di garanzia per un contributo efficace alla formazione di una buona amministrazione;  una figura “terza”, svincolata dalla “partitocrazia” e in grado di aggregare e, appunto, garantire sia i soggetti chiamati a competere che i diritti e le aspettative dei cittadini. C’è una concreta esigenza di resistere”.

ULTIME NEWS