Pubblicato il

Amministrative Tarquinia, Mazzola: "Il Pd senza simbolo è una vera vergogna"

Amministrative Tarquinia, Mazzola: "Il Pd senza simbolo è una vera vergogna"

L'ex sindaco interviene all'indomani della uscita pubblica del Partito democratico che ha annunciato di voler ammainare il proprio vessillo. Sul presunto sostegno alla Lega è chiaro: "Ho una base politica di partenza seria e stabile con maestri politici unici e preparati e non la tradirò mai”

TARQUINIA –  “Questo Pd locale sta nel totale panico”. L’ex sindaco Mauro Mazzola sbotta. “Il pd non perde occasione di accusarmi di questioni inesistenti. Non vogliono capire e leggere con attenzione quelle che sono  le mie intenzioni.  Dopo due anni che non mi hanno cercato, che la loro principale attività è stata quella di allontanarmi insieme a  tanti altri , oggi mi vogliono anche dare la colpa e accusarmi di alleanze politiche inesistenti. Perché non si concentrano nel presentare ai  cittadini il proprio programma? Perché non organizzano una manifestazione davanti all’ospedale per rimarcare le difficoltà o le carenze di personale? Oppure una manifestazione per accelerare la costruzione della trasversale e la difesa della Valle del Mignone? Oppure parlare del turismo e del Lido, delle problematiche di San Giorgio, oppure dei progetti delle imprese locali fermi in comune  ormai da troppi mesi?”

“Il Pd – tuona Mazzola – tagli quella “mano lunga” che  è totalmente concentrata nel distruggere,  invece che costruire, questa è la vera vergogna. Io della mia dignità e integrità politica ne sono certo e non me ne vergogno. In questi due anni, per poter ripartire veramente bene , bisognava fare una lunga e attenta analisi, partendo da lontano, per capire chi in continuazione distrugge,  per sconfitte personali. E si continua. Per la seconda volta il Pd non c’è : la prima volta non hanno presentano la lista Pd all’Università Agraria ed hanno rinunciato alla competizione elettorale; oggi si presentano ma senza il simbolo del Pd per le elezioni comunali.  Questa è la vera vergogna. Oltretutto si vuole ingannare i cittadini: si tratta delle stesse persone nascoste sotto un simbolo civico. Questa è la vera vergogna. Condivido che questo è il momento “di un  coraggioso cambio generazionale totale”. Ci sono infatti dei bravi e preparati giovani. Questi giovani devono organizzarsi e affrontare questa tornata elettorale con decisione e con lo stemma del Pd, e vedranno che saranno premiati dai cittadini”.

“Fuori tutti, – esorta Mazzola – i vecchi e i giovani vecchi che hanno gli stessi vizi dei vecchi. Questo è un primo passo, consapevoli del fatto che i risultati non saranno immediati, ma che arriveranno”.

Sul presunto sostegno alla Lega Mazzola è chiaro: “Basta con le accuse inesistenti, io ho una base politica di partenza seria e stabile con maestri politici unici e preparati e non la tradirò mai”. Mazzola in queste ore ha infatti da più parti spiegato di condividere il progetto del candidato sindaco Alessandro Giulivi in quanto un progetto serio e condivisibile e a tutela della città, “contro lo straniero”, ma di non voler aderire assolutamente al partito di Matteo Salvini.

ULTIME NEWS