Pubblicato il

Cozzolino: ''I responsabili saranno puniti severamente''

INCIDENTE SCUOLABUS. Il racconto di una mamma: nessuno ci ha avvertito dell’accaduto 

INCIDENTE SCUOLABUS. Il racconto di una mamma: nessuno ci ha avvertito dell’accaduto 

CIVITAVECCHIA – Emergono altre novità riguardanti l’incidente avvenuto nei giorni scorsi a Sant’Agostino e che ha visto coinvolto uno scuolabus. Sulla questione interviene la mamma di una bambina di dieci anni, presente quel giorno sul mezzo pubblico: «I bambini sono stati lasciati in balìa di se stessi per un periodo di tempo non preciso – fa sapere –  le persone che dovevano vigilare non si sono minimamente preoccupate di chiamare i soccorsi, mia figlia si è fatta molto male alle costole, poiché l’estintore presente sullo scuolabus gli è finito addosso. I bambini – riferisce la donna – sono stati riportati alle varie fermate appartenenti e noi genitori li abbiamo accompagnati al pronto soccorso. Nessuno si è degnato di avvisare noi genitori dell’incidente, lo siamo venuti a sapere perché non vedendo arrivare i nostri figli e dopo averli aspettati per più di un’ora alle varie fermate, io personalmente ho chiamato un’altra assistente chiedendo spiegazioni e solo in quel momento ho saputo dell’accaduto. Mia figlia – prosegue – ha anche un lieve trauma cranico. Ora mi aspetto che chi è il responsabile di tutto ciò paghi».

Anche il sindaco Antonio Cozzolino ha commentato l’accaduto: «Questa mattina ho personalmente ricevuto due delle madri di due delle bambine rimaste coinvolte nell’incidente fra lo scuolabus ed una autovettura, avvenuto nei giorni scorsi. Ho ascoltato con estrema attenzione le parole delle mamme e che trovano puntuale riscontro nei documenti sulla vicenda.

Quanto avvenuto – ha dichiarato il primo cittadino – è estremamente grave e come socio unico della società partecipata Csp non ho intenzione di soprassedere: i responsabili di condotte non appropriate ai propri doveri d’ufficio dovranno essere puniti con la massima severità possibile». Ho letto la relazione che l’ufficio ha preparato e la ritengo lacunosa in alcune parti. Quando si parla di minori bisogno essere estremamente cauti e avere la massima accuratezza, in casi del genere, nel far verificare nel più breve tempo possibile al personale medico competente la salute dei bambini. Questo non è avvenuto ed è ingiustificabile. Ho già chiesto per iscritto al presidente Csp De Leva, di applicare il massimo dei provvedimenti disciplinari comminabili».

ULTIME NEWS