Pubblicato il

Vaccini, scatta l’obbligo di certificazione nelle scuole

L’assessore all’Istruzione Lecis: "Nelle scuole di infanzia e nei nidi comunali non ci sono criticità"

L’assessore all’Istruzione Lecis: "Nelle scuole di infanzia e nei nidi comunali non ci sono criticità"

CIVITAVECCHIA . «Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia e i nidi comunali non ci sono criticità legate ai vaccini». Parola dell’assessore all’Istruzione Alessandra Lecis che interviene all’indomani della scadenza per la presentazione della certificazione vaccinale alle scuole, previa l’esclusione fino ai 6 anni di età. Una legge che molto ha fatto discutere ma che, almeno per quanto riguarda le scuole comunale, non va a toccare Civitavecchia che rimane al sicuro dietro la percentuale del 94% di copertura vaccinale.

Dati forniti dal servizio della Asl Roma 4 nei giorni scorsi in un incontro proprio con l’amministrazione comunale. «Per avere i dati completi di ogni scuola cittadina – ha continuato l’assessore pentastellato – sarà necessario qualche giorno». Lecis ha ricordato che secondo la vigente normativa se ci dovessero essere alunni di nidi o infanzia in teoria non potrebbero entrare nella scuola. Per quanto riguarda invece la scuola primaria «non si possono mandare via gli alunni – ha detto Lecis – quindi ci sarebbe una multa per i genitori». Diventa quindi operativa la legge Lorenzin che prevede dieci vaccini obbligatori e l’esclusione dalla scuola dell’infanzia per i bambini non in regola. 

ULTIME NEWS