Pubblicato il

''Su via della Libertà oggi lo scenario è cambiato''

''Su via della Libertà oggi lo scenario è cambiato''

Il segretario del Pd Pierluigi D’Emilio commenta i fondi di 5 milioni di euro da parte del Governo Attacco alla minoranza: «Tutto frutto dell’operato di questa amministrazione»

S. MARINELLA – «E’ di questi giorni il plauso dell’opposizione che si dice ben felice del fatto che il nostro ente sia riuscito ad intercettare oltre cinque milioni di euro di contributi. A tutto questo, però, dovevano aggiungere che i contributi arrivano grazie all’attenzione dell’attuale governo nazionale, non sapendo che ogni governo, al di là del suo colore politico, deve contribuire là dove gli enti locali abbiano i requisiti a finanziare progetti”. A dirlo è il segretario del Pd di Santa Marinella Pierluigi D’Emilio, che contesta alle minoranze la mancanza di iniziativa nell’intraprendere il percorso dei fondi regionali e nazionali, quando in Comune, c’era la giunta Bacheca. “Come se non bastasse – prosegue D’Emilio – si vantano del fatto che i progetti esecutivi c’erano già, in quanto afferenti alla precedente amministrazione. Mettiamo che sia così. Ma allora mi pongo una domanda, in dieci anni e con i progetti pronti, perché non sono stati capaci di tirar fuori il becco di un quattrino? Questa è la realtà, ma fa comodo dire che loro sono i nuovi rispetto alla vecchia compagine di centro destra, quindi di fatto prendono le distanze dallo scempio effettuato in dieci anni di amministrazione Bacheca. Ma, nel contempo, là dove intravedono un minimo di convenienza politica, si riallacciano alla precedente amministrazione. Che poi i personaggi che parlano a sproposito, siano avulsi dai distruttori che hanno devastato la città, sinceramente lascia molti dubbi vista la storia ed i percorsi che tutti conosciamo”. “Detto questo – prosegue il segretario del Pd – trovo veramente assurdo che da una parte si cerchi di strumentalizzare a proprio favore contributi recepiti dall’azione incessante di questa amministrazione, e dall’altro si critichi il finanziamento destinato alla struttura di via della Libertà, per il solo fatto che oggi, con il contributo, lo scenario è cambiato e quindi inevitabilmente questa maggioranza dovrà discutere su come procedere nel merito. Però gli smemorati non dicono nulla sul fatto che, tra questi contributi, ci sono anche i soldi per la scuola Vignacce, che è chiusa da tempo immemore”. “Un minimo di riflessione andrebbe fatta – conclude D’Emilio – non fosse altro per il fatto che in silenzio e con buona volontà questa amministrazione sta dimostrando con i fatti che in soli otto mesi ha messo in campo più azioni di quante ne siano riuscite a produrre loro in dieci anni. Le parole se le porta via il vento, le cose che vengono realizzate invece lasciano il segno su quello che sarà il nuovo volto della Perla”.

ULTIME NEWS