Pubblicato il

Perla del Tirreno a Miami, D'Emilio: "Il M5S la smetta di dire balle''

Il delegato al Turismo risponde a Francesco Settanni

Il delegato al Turismo risponde a Francesco Settanni

S. MARINELLA – Continua la polemica tra il delegato al Turismo Pierluigi D’Emilio e il consigliere comunale del M5S Francesco Settanni, in merito alla vicenda relativa alla partecipazione del Comune alla mostra sul turismo a Miami in Florida. “Leggo l’ennesima provocazione del consigliere Settanni del Movimento Cinque Balle – spiega D’Emilio – si cinque balle perchè ogni occasione è buona per gettare fango, che critica aspramente la presenza della nostra città alla fiera del turismo di Miami. Lui domanda quale sia il programma di sviluppo turistico. E’ nel nostro programma elettorale, può anche leggerlo. Quale futuro? Di certo è quello che i cinque stelle non sono neanche in grado di pensare, cioè un futuro internazionale. Quale piano turistico? Il piano turistico è la stessa cosa del programma di sviluppo turistico, quali provvedimenti operativi concreti di rilancio? Intanto le barriere soffolte sono già un cardine fondamentale per le nostre spiagge ed abbiamo preso 3.2milioni di euro per questo. Quali accordi con le associazioni di categoria locale cioè artigiani, commercianti, produttori gastronomici locali e con gli operatori turistico-alberghieri? Come già detto più volte li incontreremo sottoponendo loro cose concrete e non incontrandoli tanto per farlo. Non si fa perdere tempo a chi lavora. Alla fine si mette a parlare del governo gialloverde che apre alla Cina. E quindi non sa nemmeno che prima di questo governo farsa, il nostro Sindaco ha ricevuto importanti personaggi di un distretto cinese con particolare rilevanza turistica proprio nel nostro Comune. Ma si sa che ai grillini piace tanto buttare fango, ma guai a criticare il loro operato ora che sono al governo”. “Si preoccupi il consigliere Settanni – conclude D’Emilio – di spiegare le disastrose politiche economiche del suo governo e della sua sterile opposizione locale, mai propositiva. Ma lui piace mettersi i gradi e fare la voce grossa. Peccato per lui che io non sono un militare e non gli dirò mai comandi. Se ne faccia una ragione”.

ULTIME NEWS