Pubblicato il

Un’app svela fake news e verifica fonti con un clic

Un’app svela fake news e verifica fonti con un clic

Le aziende farmaceutiche scendono in campo contro le bufale su internet

La lotta alle bufale in medicina passa anche dal mondo delle ‘app’ e dall’impegno delle aziende farmaceutiche. Arriva ‘ScaNews’ una nuova opportunità di ‘TakedaScan’, la app-hub gratuita di Takeda Italia, che nella sua nuova veste grafica si arricchisce di un modulo dedicato al contrasto delle ‘fake news’. ‘ScaNews’ è una timeline in stile social con contenuti provenienti solo da fonti selezionate e verificate (riviste scientifiche, motore di ricerca PubMed, siti istituzionali, società medico-scientifiche). ‘ScaNews’ è stata presentata da Rita Cataldo, amministratore delegato Takeda Italia, nel corso dell’evento ‘True news, good news – Salute e informazione: quando la verità è più di un consiglio’, promosso a Roma dall’Adnkronos. 
«L’obiettivo è una applicazione che faccia da collettore di tutte le informazioni che arrivano da fonti certificate e autorevoli e combattere così le ‘fake news’ – spiega Cataldo – Ci auguriamo che questa iniziativa sia da stimolo al cittadino che può usare l’app per controllare se la fonte da cui arriva la notizia è certificata. L’impegno di Takeda va oltre il suo lavoro nel campo della ricerca e dello sviluppo, mettiamo a disposizione il nostro sapere e la nostra esperienza nel campo dei farmaci e dell’healthcare fornendo servizi a 360 gradi per la collettività». 
Sei aree terapeutiche (chirurgia, diabete, ematologia, gastroenterologia, oncologia, salute), quattro canali (Facebook, Twitter, YouTube e PubMed) e traduzione simultanea per i contenuti in lingua straniera, sono alcune delle caratteristiche di ‘ScaNews’ che si presenta come un vero e proprio social con la possibilità di cliccare per apprezzare il contenuto con un ‘like’ e condividerlo attraverso applicazioni di messaggistica e canali social. Prevista anche una ‘black list’ dei contenuti, per garantire la massima trasparenza nella selezione delle notizie. In fase di raccolta, infatti, il sistema verifica se al loro interno sono presenti nomi di prodotti o principi attivi di farmaci: se il controllo ha esito positivo il contenuto non verrà visualizzato all’interno della timeline. 

ULTIME NEWS