Pubblicato il

''Bene la riqualificazione di un immobile esistente''

''Bene la riqualificazione di un immobile esistente''

La lista civica ‘‘Il Paese che vorrei’’ torna sulla questione degli alloggi popolari

S. MARINELLA – La lista civica Il Paese che Vorrei, torna di nuovo su un problema che, in questi giorni, ha fatto molto discutere in città e che ha creato polemiche tra la maggioranza e le opposizioni. Il problema è quello delle case popolari che, un gruppo di senza tetto sta cavalcando, nella speranza che il Comune si decida a fare qualcosa di concreto per dare a coloro che non possono permettersi una casa, la possibilità di avere un tetto. “Da più di un anno è in corso la trattativa per l’acquisizione da parte dell’Ater di alcuni alloggi a Santa Marinella – dicono i responsabili civici – l’Ater, svolge un servizio di edilizia sociale volto a garantire un alloggio a chi non è in condizioni di accedere a un’abitazione a prezzo di mercato, fornisce cioè una casa alle famiglie meno abbienti. Già durante la campagna elettorale abbiamo evidenziato la presenza di immobili invenduti e incompiuti sul territorio comunale, sollevando l’esigenza di un piano di recupero del patrimonio immobiliare disponibile e di un blocco al consumo di suolo. Abbiamo più volte ribadito questa posizione in contrasto con i numerosi annunci del Sindaco che, in una smania di cementificazione, punta a ottenere terreni agricoli per trasformarli in insediamenti per nuove abitazioni”. “Ribadiamo ancora oggi – conclude la nota – la nostra contrarietà, guardare al futuro del nostro territorio significa riqualificare il patrimonio edilizio e impedire la costruzione di nuovi agglomerati. Apprezziamo quindi la lungimirante scelta dell’Ater di investire nella riqualificazione di un immobile esistente, escludendo un’inutile cementificazione del nostro patrimonio verde. Inoltre, visto che nelle politiche dell’Ater rientra l’adeguamento degli immobili mirato al contenimento del consumo energetico, ci preme sottolineare la potenziale ricaduta economica che queste opere potrebbero rappresentare».

ULTIME NEWS