Pubblicato il

Tentato investimento al mercato

Tentato investimento al mercato

Fiumicino. Una lite tra anziani in via Coni Zugna rischia di finire in tragedia. Mario Russo D’Auria: "Oramai la nostra è una società fuori controllo"

FIUMICINO – Quella che sembrava una normale mattinata di spesa al mercato poteva trasformarsi in una tragedia. I fatti risalgono a sabato scorso, quando un parcheggio ha innescato le ire di due anziani signori, giunti in via Coni Zugna per comprare frutta e verdura dal “velletrano”. Mentre uno dei due era impegnato a scegliere la verdura da gustare per pranzo, l’altro è arrivato parcheggiando male la propria Fiat Panda, complicando la normale circolazione dei pedoni e delle altre automobili. L’altro anziano, dopo aver caricato in macchina le buste piene di verdure, ha tentato di uscire per rimettersi in carreggiata, trovando non poche difficoltà. E così, senza pensarci troppo, con la sua vettura ha strusciato l’altra macchina, rigandone la fiancata. Il proprietario, sentito il rumore dei graffi, ha iniziato a inveire contro l’altro anziano che è sceso dalla sua auto per rispondere alle offese. Il tutto sotto gli occhi increduli dei presenti che, attoniti, assistevano alla scena. Una situazione che ben presto è degenerata: l’anziano che aveva parcheggiato male, al culmine della lite, è rimontato in macchina, ha accelerato e “colpito” l’uomo, rompendo il bastone di legno al quale si appoggiava. Panico, urla. Qualcuno si avvicina all’anziano per prestargli soccorso mentre qualcun altro ha avvisato i vigili urbani che, immediatamente sono giunti sul posto per sedare la “rissa”. Dopo aver calmato i bollenti spiriti, gli agenti della polizia locale hanno effettuato tutti i rilievi. «E’ la testimonianza di una società stressata – afferma Mario Russo D’Auria, capogruppo di Gil, presente all’evento -, al limite dell’incomunicabilità. Non appena ci troviamo davanti a un impedimento diventiamo aggressivi. Aggressivo è diventato colui che aveva pensato di risolvere la questione rigando la macchina di chi aveva parcheggiato male; aggressivo è diventato l’automobilista che ha poi pensato di investirlo. Aggressivo, se vogliamo, è stato in senso lato anche il modo di parcheggiare». «A che punto siamo arrivati! Queste azioni ce le potremmo aspettare da due giovani, e non da due anziani, persone – di solito – più riflessive e con maggiore esperienza». «E invece – ha concluso Rsso D’Auria – è un atteggiamento che troviamo in tutte le età della nostra società: aggressivi sono i giovani, quelli di mezza età e anche gli anziani. Ormai la nostra è una società fuori controllo».

ULTIME NEWS