Pubblicato il

Oltre mille pasti per Amatrice

Oltre mille pasti per Amatrice

Più di 1700 persone hanno partecipato all’iniziativa organizzata dal Comune e dall’associazione locale Al castello di Santa Severa una grande gara di solidarietà

SANTA MARINELLA – Ha registrato oltre 1.700 persone l’iniziativa intrapresa dall’associazione “Amatrice siamo noi” e dall’amministrazione comunale, che si è tenuta nel fine settimana al castello di Santa Severa, organizzata per coinvolgere i cittadini e il territorio al fine di trasmettere solidarietà alla popolazione di Amatrice così duramente colpita dal tragico terremoto del 2016 che l’ha rasa al suolo. Mille piatti di pasta all’amatriciana, in una grande gara di solidarietà. Tanta gente, tanti spettacoli, ma soprattutto tanti volontari i quali si sono rimboccati le maniche ed hanno contribuito alla riuscita piena dell’evento, con la soddisfazione e i ringraziamenti dei rappresentanti di Amatrice. “Un ringraziamento – dice il sindaco Tidei – va al consigliere Andrea Amanati, il vero inventore e animatore della festa e all’assessore Emanuele Minghella, perché senza di loro e l’aiuto di tanti amici, la manifestazione non si sarebbe potuta fare. La nostra maggioranza va avanti con forza e determinazione, nonostante le enormi difficoltà economiche, nel segno della solidarietà e dell’operosità. Gli invidiosi ed i nullafacenti possono tranquillamente continuare a lamentarsi su facebook, perché di loro ormai non si accorge più nessuno”. “Amatrice siamo noi, più testardi dei muli, con le braccia forti di chi non ha visto l’alba e gli occhi a scacciare il buio con la luce di un nuovo giorno”. Così recita lo slogan dell’associazione Amatrice siamo noi, nata per aiutare a riportare alla normalità tutta la comunità amatriciana, dopo il terribile terremoto che ha distrutto la città. “Volevo ringraziare anche io i consiglieri comunali, gli assessori ed il Sindaco Tidei – conclude il delegato al turismo Pierluigi D’Emilio – per la splendida iniziativa di solidarietà. In particolare però il mio grazie va ad Andrea Amanati, un consigliere comunale del Partito Democratico che non molla mai, che lotta, che non si ferma un momento. Dietro quell’aria da gigante buono c’è una determinazione feroce ed una tenacia incrollabile”.

ULTIME NEWS