Pubblicato il

Giuseppe Zeno sul palco del Traiano

Giuseppe Zeno sul palco del Traiano

Domani e domenica lo spettacolo di Fares tratto dal romanzo di McCoy ‘‘Non si uccidono così anche i cavalli?’’

CIVITAVECCHIA – Giuseppe Zeno è il protagonista insieme a Sara Valerio di ‘‘Non si uccidono così anche i cavalli?’’. Domani alle 21 e domenica alle 17 sul palco del teatro Traiano lo spettacolo, per la regia e adattamento di Giancarlo Fares, in cui il ballo e la musica si fanno drammaturgia e permettono che la narrazione proceda su un doppio binario: le parole di Joe e Gloria e le azioni degli attori ballerini. Horace McCoy scrive nel 1935 “Non si uccidono così anche i cavalli?”. Nel 1969 il regista Sidney Pollack gira l’omonimo film che partecipa al Festival di Cannes fuori concorso e ottiene anche un Oscar per il miglior attore non protagonista. È la storia di una folle maratona di ballo dove i partecipanti, in cambio di vitto e alloggio, disperati e in cerca di successo ballano per giorni e notti senza interruzioni, diventando oggetto di scommesse da parte del pubblico. I concorrenti partecipano nella speranza sì di vincere un premio in denaro, ma soprattutto di farsi notare dai registi e produttori presenti in sala. Protagonista di questa storia è Joe, un vero e proprio mattatore, organizzatore della maratona di ballo, mentre la coprotagonista Gloria, una delle concorrenti in gara.

Entrambi fanno parte del mondo dello spettacolo, entrambi ne sono vittime e alle volte vestono i panni dei carnefici. Questa edizione teatrale è stata adattata da Fares, che ne cura anche la regia. L’idea nasce dopo il successo ottenuto con ‘‘Le bal. L’Italia balla dal 1940 al 2001’’, già in scena con grande successo al teatro Traiano nel 2016. La musica e le canzoni in stile swing, elettro-swing e jazz manouche, sono state composte appositamente per lo spettacolo da Piji, pluripremiato cantautore romano, presente da tempo nella scena pop jazz italiana. I musicisti suoneranno dal vivo interagendo con le voci degli attori in scena. Le coreografie sono di Manuel Micheli, già maestro coreografo di charleston e boogie-woogie nel programma televisivo della Rai “Ballando con le stelle”. Il testo di McCoy è forse il precursore inconsapevole dei reality dei nostri giorni; tuttavia questo spettacolo mostra un’umanità variegata, disperata, grottesca. Uno spettacolo emozionante, con toni drammatici e ironici che sottolinea il sacrificio in cambio del successo.

La stagione teatrale è promossa da Atcl – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio con il finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio e del comune di Civitavecchia. La grande stagione del teatro Traiano rientra tra le promozioni di Lazio Youth Card, l’app della Regione Lazio dedicata ai giovani residenti o domiciliati nel Lazio, con età compresa tra 14 ed i 30 anni (non compiuti) e ai giovani iscritti al circuito Eyca (European Youth Card), che avranno accesso così a tariffe scontate per gli spettacoli.

ULTIME NEWS