Pubblicato il

Nuovo ricorso sulla sovrattassa: il Tar non concede la sospensiva. Si decide nel merito

Nuovo ricorso sulla sovrattassa: il Tar  non concede la sospensiva. Si decide nel merito

CIVITAVECCHIA – Nessuna concessione di sospensiva, ma decisione nel merito, con l’udeinza fissata per novembre prossimo. Sarà il Tar del Lazio a pronunciarsi, nuovamente, sulle tasse portuali. 
In particolare, a febbraio scorso, Italiana Petroli e Raffineria di Roma – ex Total Erg – ha presentato un nuovo ricorso contro la sovrattassa recentemente introdotta dai vertici dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale. 
A dicembre scorso era stato il commissario ad acta nominato per dirimere la precedente questione a disporre il pagamento arretrato della vecchia sovrattassa. 
Allo stesso tempo il comitato di gestione, con il solo voto favorevole del presidente dell’Adsp Francesco Maria di Majo, aveva autorizzato ll’accordo transattivo per il contenzioso sulla tassa. 
Anche stavolta la società ha presentato ricorso ribadendo, di fatto, le precedenti motivazioni: eccesso di potere da parte di Molo Vespucci, illogicità manifesta del decreto e difetto di motivazione. 
Inoltre aggiunge come sia ‘‘opera irrealizzabile’’ il nuovo porto di Fiumicino, progetto che dovrebbe essere finanziato proprio con la sovrattassa. 
Da qui il nuovo ricorso presentato al Tar del Lazio, avente come richiesta ‘‘l’annullamento del decreto 318/2018 con cui è stata approvata la nuova aliquota della sovrattassa per ogni tonnellata di merce sbarcata ed imbarcata nei porti di Civitavecchia e Fiumicino, a decorrere dal primo gennaio 2019». Si dovrà quindi attendere novembre per conoscere la decisione dei giudici.  

ULTIME NEWS