Pubblicato il

«L'US Ladispoli chieda l'anticipo della gara col Cassino»

«L'US Ladispoli chieda l'anticipo della gara col Cassino»

L'appello del consigliere Giovanni Ardita che ha annunciato la presa di posizione del Comune. Secondo alcune notizie giunte al delegato «si starebbe preparando un brutto clima in vista della partita»

LADISPOLI – Tira “aria” di tempesta nel mondo della serie D. Questo almeno quanto trapelato dal consiglire e delegato ai rapporti con le società calcistiche locali Giovanni Ardita. Secondo alcune fonti, il prossimo match che vedrà impegnata l’US Ladispoli potrebbe essere a dir poco di fuoco. Tutta colpa, a quanto pare, di «vecchie ruggini» tra le tifoserie dei rossoblu e del Cassino. «Addirittura sembrerebbe che facinorosi di altre tifoserie – ha detto Ardita – stiano tentando di organizzare raid a Ladispoli in occasione dell’arrivo dei sostenitori ciociari. È trapelato sui social che qualcuno starebbe lanciando messaggi bellicosi, creando le condizioni per trasformare una giornata di sport in qualcosa di pericoloso». Ad alimentare ancora di più le preoccupazioni dell’amministrazione comunale, che ha chiesto per questo motivo alla società di chiedere l’anticipo della gara, è la particolare data in cui la partita si dovrebbe svolgere: domenica 14 aprile, il giorno di chiusura della Sagra del Carciofo Romanesco. Già per l’occasione è infatti previsto in città l’arrivo di migliaia di visitatori con le forze dell’ordine impegnate a garantirne la sicurezza durante lo svolgimento della Sagra. «Ci sarano evidenti problemi di traffico e di afflusso di persone, le condizioni ideali – ha detto Ardita – per qualche testa calda per creare problemi. Domenica, col bel tempo, è previsto l’afflusso di più di 200mila persone, moltissime delle quali arriveranno dall’autostrada verso l’ingresso nord di Ladispoli, al chilometro». Il rischio dunque è che il traffico dei visitatori della fiera vada a sovrapporsi con quello dei tifosi che andranno allo stadio. «Crediamo che alla luce di queste motivazioni non sia impossibile ottenere per seri motivi di sicurezza l’naitipo della partita al pomeriggio di venerdì 12 aprile o al massimo alle 15 di sabato 13 aprile». E da palazzo Falcone hanno ufficialmente invitato la società a inoltrare immediatamente la richiesta. «Da parte nostra – ha proseguito ancora il consigliere Ardita – siamo pronti a chiederla come Comune alla Lega Dilettanti o al nuovo prefetto di Roma se fosse necessario. Nelle prossime ore seguiremo con la massima attenzione l’evolversi della situazione. I tragici fatti accaduti a Milani lo scorso dicembre – ha concluso Ardita – con agguati tra varie tifoserie, dovrebbe insegnare a tutti a essere molto cauti quando si tratta di ordine pubblico legato al calcio».

ULTIME NEWS