Pubblicato il

Fondazione Cariciv, tempo di bilanci

Fondazione Cariciv, tempo di bilanci

Il presidente Sarracco: "Insieme restituiremo a Civitavecchia un ente sano"

CIVITAVECCHIA – Dopo i primi nove mesi della nuova gestione è tempi di bilanci in casa Fondazione Cariciv. L’ente di origine bancaria è stato chiamato in questi ultimi mesi a numerose scelte, soprattutto a livello di investimenti e gestione interna. La presidente Gabriella  Sarracco ed il Consiglio di Amministrazione hanno cercato in questi pochi mesi a disposizione di mettere a frutto il patrimonio immobiliare dell’ente per creare dell’utile da rinvestire sul territorio, senza perdere di vista gli obiettivi sociali dello stesso ente, tra i quali spicca l’impegno per l’Università. «In questi ultimi giorni abbiamo portato a termine due importanti obiettivi legati al mondo universitario con il corso di Economia Circolare che è sempre più una realtà e le borse di studio che siamo riusciti a finanziare insieme alle altre Fondazioni della regione per percorrere il percorso di studio» ha dichiarato la presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco. 

In effetti il consorzio universitario Città di Civitavecchia creato dalla stessa Fondazione insieme al Comune di Civitavecchia e all’Università La Tuscia sta diventando sempre più una realtà radicata ed apprezzata come dimostrato dal recente convegno che si è tenuto in questi giorni presso la struttura di piazza Verdi. Anche se in altri campi sono stati necessari tagli netti. La numero uno di via Risorgimento, infatti, ha illustrato il percorso seguito dalla sua squadra per tutti i campi di competenza: «Sono stati necessari drastici tagli e altri ancora ce ne saranno per risanare il nostro ente. La situazione in cui versava, e ancora versa, è dura ma teniamo la barra a dritta in vista di giorni migliori. Per questo non posso che ringraziare il mio consiglio d’amministrazione composto da Valentino Carluccio, Giorgio Venanzi, Massimo Pinti, Luca Marconi, il collegio dei revisori e tutto l’organo di indirizzo. Insieme stiamo facendo passi anche dolorosi ma che restituiranno alla città un ente sano che fa scelte attente, lungimiranti e rispettose dei conti».

ULTIME NEWS