Pubblicato il

La Polizia di Stato arresta un insospettabile per detenzione di ingente quantità di video e foto pedopornografiche

RAGUSA – La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – arresta ragioniere in pensione di anni 64 per detenzione di un’ingente quantità di files contenenti immagini e video pedopornografici. La scorsa settimana gli uffici della Polizia di Stato di Ragusa hanno condotto diverse indagini, alcune inerenti gravi fatti reato, pertanto gli investigatori non hanno sottovalutato nulla scavando a fondo su ogni aspetto. Proprio durante l’escussione di uno dei potenziali testimoni, gli investigatori hanno avuto la sensazione che il soggetto stesse mentendo per favorire l’impunità dell’autore del reato. Convinto a collaborare perché avrebbe altrimenti risposto di un grave fatto reato, l’indagato si determinava a condurre i poliziotti nella sua casa di Comiso dove aveva nascosto dei supporti informatici contenenti delle importanti immagini di videosorveglianza. Proprio per la sua iniziale e totale reticenza (asseriva di trovarsi a casa con la moglie e non dove era stato consumato il fatto reato oggetto d’indagine) gli uomini della Squadra Mobile sono andati a fondo; durante la perquisizione hanno sequestrato un hard disk che il soggetto teneva in auto e prelevato le immagini che lui aveva occultato dell’impianto di videosorveglianza.

 

L’ISPEZIONE DEI SUPPORTI SEQUESTRATI

Dall’immediata ispezione dei primi supporti sequestrati, gli agenti pensavano di poter trovare i video del fatto reato per cui si investigava e non di certo quelle ulteriori immagini raccapriccianti. Dalla visione emergeva subito che il soggetto aveva una passione per i video pornografici disgustosi, dove non venivano raffigurati solo esseri umani; l’ultima cosa che pensavano di trovare erano delle cartelle dove l’arrestato aveva salvato numerose chat con bambine molto piccole. Il contenuto delle chat spingeva gli investigatori ad esplorare tutto l’hard disk. Al termine dell’ispezione sono stati rinvenuti quasi 1.000 files pedopornografici tra video e foto che l’indagato custodiva gelosamente. All’interno dell’hard disk numerose foto di famiglia con figli e nipoti segnalavano che il supporto informatico apparteneva indiscutibilmente all’odierno arrestato: un insospettabile ragioniere in pensione. (Agg.27/4 ore 20,46)

LA SUCCESSIVA PERQUISIZIONE DOMICILIARE

La successiva perquisizione domiciliare ha portato al sequestro di computer, telefoni ed altri supporti informatici che verranno ispezionati con i dovuti accorgimenti tecnici e le previste garanzie di legge. L’arrestato, non appena scoperto, non ha più proferito parola, asserendo solo che erano immagini risalenti a 4 anni prima, come se questo giustificasse la sua condotta delittuosa. Dopo le attività d’indagine e le prassi operative il soggetto è stato tratto in arresto e ieri il Giudice per le Indagini Preliminari ha convalidato l’attività investigativa della Polizia di Stato. Adesso sarà cura dei poliziotti scovare all’interno del computer altri files riproducenti immagini pedopornografiche, soprattutto bisognerà comprendere se parenti o soggetti vicini all’arrestato possano essere stati oggetto di attenzioni sessuali. Sarà cura degli agenti cercare anche di risalire all’identità delle bambine presenti nelle centinaia di immagini e chat che l’arrestato intratteneva con le vittime. (Agg.27/4 ore 20,51)

ULTIME NEWS