Pubblicato il

Il Giro d’Italia attraversa il Lazio prima di passare nella fase decisiva

Il Giro d’Italia attraversa il Lazio prima di passare nella fase decisiva

Uno sguardo anche alle statistiche e alle quote dell’edizione 102 del Giro più famoso dello stivale

CIVITAVECCHIA – È partita lo scorso 11 maggio, da Bologna, l’edizione numero 102 del Giro d’Italia, l’evento che ogni anno tiene attaccati al televisore gli appassionati di ciclismo. Dall’Emilia Romagna al Molise, si è partiti dal capoluogo emiliano e si finirà con la crono di Verona il 2 giugno, dopo aver attraversato gli Appennini e scalato le Alpi, dopo aver sudato sulle salite più difficili e aver spinto fino al limite nei tratti collinari.

Lo scorso anno il Giro d’Italia è stato dominato dall’inglese Chris Froome, del Team Sky. Con lui si rinnova la tradizione straniera al Giro, che vanta 13 nazionalità diverse tra i vincitori ma ben 69 edizioni vinte, su 101 totali, da ciclisti nostrani. Tra i più grandi di tutti senza dubbio Fausto Coppi che vanta due record: quello di più giovane a vincere il giro, a soli 20 anni e 8 mesi, e quello di più giri vinti, addirittura 5. Insieme a lui Alfredo Binda, classe 1902, chiamato il Signore della Montagna, per lo stile brillante e la classe autentica con cui affrontava le salite più dure. La sua rivalità più forte fu quella con il mitico Costante Girardengo, la cui immagine è stata fissata nella musica da Francesco De Gregori, ne Il bandito e il campione. Suo il record di campionati italiani su strada vinti: 9.

Se Coppi fu il più giovane, un altro italiano detiene il record di più anziano a vincere il Giro. Si chiama Fiorenzo Magni, classe 1920, considerato il Terzo Uomo tra la coppia di giganti Coppi-Bartali. Nel 1955 riuscì a vincere l’edizione all’età di 34 anni e 6 mesi.

Il presente, però, parla soprattutto di Vincenzo Nibali, il siciliano che ha in bacheca già due giri. La sua vittoria, secondo le quote dell’edizione numero 102 del Giro d’Italia, si gioca addirittura a 8.00, risultando favorito rispetto a Lopez, piazzato a 11.00. Tra i principali favoriti al trono reso vacante da Froome ci sono Yates, bancato 3.00, con Dumoulin a 3.75 e quota più bassa per Roglic, messo in lavagna a 2.75.

Attraversando lo stivale, il Giro d’Italia arriverà anche nel Lazio. Lo farà precisamente il 14 maggio, nella quarta tappa che da Orbetello, in Toscana, arriverà a Frascati. Le provincie attraversate saranno quelle di Viterbo e Roma. Un tuffo nella Tuscia tra Valentano, Tuscania e Vetralla, per poi scendere tra Capranica e Sutri, tra campi di nocciole e tagliate etrusche. Si arriverà poi nell’Agro Veientano di Campagnano, Morlupo e Castelnuovo di Porto, in provincia di Roma, per poi sterzare verso Monterotondo, Mentana e scendere fino a Frascati.

Tutta laziale la quinta tappa, con ambientazione spettacolare: i castelli romani. Da Frascati si andrà a Rocca Priora, Rocca di Papa, Nemi, Velletri e poi Latina, Sezze e infine Terracina. Qui ci sarà il trasferimento della sesta tappa che da Cassino porterà a Venafro, in Molise, per girare anche in Campania e Puglia, prima di risalire la penisola.

E adesso che sapete i vari punti in cui passeranno i ciclisti, potete anche recarvi direttamente sulla strada. Per incitare i vostri beniamini e vivere da vicino una tradizione e un evento che è nel dna dello sport italiano.

Quote dell’edizione numero 102 del Giro d’Italia

ULTIME NEWS