Pubblicato il

In marcia per l'ambiente

In marcia per l'ambiente

Circa 400 persone hanno partecipato al corteo organizzato da Friday for future Civitavecchia che dal parcheggio del tribunale è arrivato alla Marina 

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia scende in piazza per il pianeta. Grande partecipazione alla manifestazione di questa mattina con circa 400 cittadini, soprattutto ragazzi, in strada per marciare contro i cambiamenti climatici in adesione al Friday for future, il secondo sciopero nazionale per il clima. Come molte altre città italiane anche Civitavecchia ha fatto sentire la sua voce e lo ha fatto grazie agli studenti, perché sono stati loro ad organizzare l’iniziativa pubblicizzata tramite volantini e social. Un passaparola che è riuscito a coinvolgere circa 400 persone. (SEGUE)

LA MANIFESTAZIONE – Tra volti più o meno noti e qualche esponente politico la scena è stata comunque dei ragazzi. Quei giovani che non vogliono stare in disparte, che vogliono partecipare fattivamente alle scelte energetiche e ambientali che influiranno sulla vita delle prossime generazioni. Il corteo è partito dal piazzale dei Cappuccini (parcheggio del Tribunale) poco dopo le dieci per poi arrivare fino alla Marina, tra musica e slogan come ad esempio ‘‘Cambiamenti climatici: 12 anni per salvare il pianeta’’. La manifestazione è stata caratterizzata anche dalla presenza del neonato comitato ‘‘No al fossile Civitavecchia’’ che chiudeva il corteo insieme a molti altri studenti.  Un movimento che sta raccogliendo molti consensi tra i giovani di tutta Italia e che anche in città vede i giovani come protagonisti. Una sfida lanciata a livello mondiale ai politici perché, come si legge sulla pagina social di Friday for future Civitavecchia, si acceleri «la transizione dall’utilizzo di fonti fossili a quello delle energie pulite rinnovabili e di approcciarsi alle risorse presenti sul pianeta in maniera sostenibile, per non superare di 1,5° C l’aumento di temperatura media globale, dimezzando così le emissioni di Co2 entro il 2030».  Una sfida importante che vede, purtroppo, Civitavecchia protagonista con la sua centrale. Proprio per questo gli organizzatori dell’evento nei giorni scorsi hanno iniziato una petizione, rivolta a tutti, che ha già raccolto duemila firme. (Agg. 24-05-2019 ore 13,17) 

GLI OBIETTIVI – La richiesta è quella di «portare la presenza dei ragazzi e degli studenti – hanno spiegato gli organizzatori – al tavolo delle trattative con Enel. Si può continuare a firmare». Sono già state raccolte circa 2mila firme. Una marea pacifica di giovani e giovanissimi per scuotere e far riflettere sui cambiamenti che ormai sono sotto gli occhi di tutti. Il corteo ha percorso la Mediana, viale Matteotti e corso Centocelle per poi fermarsi a piazza della Vita dove era stato allestito un palco per la musica e i vari interventi. Una manifestazione apartitica per un tema che deve coinvolgere tutti. (Agg. 24-05-2019 ore 18,26)       

ULTIME NEWS