Pubblicato il

Commissariato di Gallarate, indagata cittadina cinese per danneggiamento

VARESE – Nel pomeriggio di ieri è giunta una richiesta di intervento al Commissariato di Gallarate per un litigio in corso davanti al centro massaggi “TUINA” che si trova in via Ronchetti a Gallarate. La titolare del centro massaggi, una cittadina cinese, ha chiesto aiuto riferendo che all’esterno del suo locale si trovavano una donna con i tre figli. La donna, con i minori, era particolarmente intenzionata ad entrare nel centro massaggi, malgrado il diniego da parte della titolare spaventata dai chiari intendimenti non pacifici della donna, sua concittadina.

 

L’ACCUSA DI SVOLGERE ATTIVITÀ DI MERETRICIO

Giunti sul posto, gli operatori sono intervenuti per interrompere il litigio in corso tra la richiedente e la donna accompagnata dai figli minori, la maggiore dei quali teneva in mano una chiave a bussola con cricchetto lunga 26 cm e utilizzata poco prima dalla donna per danneggiare la vetrina del centro massaggi. Riportate alla calma le due donne, queste hanno potuto chiarire i motivi del litigio: la madre di famiglia, insospettita dalla assidua frequenza da parte del marito del centro massaggi, accusava la concittadina di svolgere attività di meretricio all’interno dell’esercizio pubblico. (Agg.27/5 ore 22,20)

IDENTIFICATA 44ENNE PRIENTALE

In attesa di chiarire i propri dissidi famigliari, la donna di 44 anni è stata identificata e denunciata per il danneggiamento provocato alla vetrina del centro massaggi. (Agg.27/5 ore 22,25)

ULTIME NEWS