Pubblicato il

Marconi: giornate ricche di appuntamenti

di FEDERICA CONGIU

CIVITAVECCHIA – Si svolgerà mercoledì 29 maggio la seconda festa della rete di scuole di “G. Falcone”. Gli studenti dell’ IISS “G. Marconi” di Civitavecchia e quelli dell’ IISS “V. Cardarelli” di Tarquinia, incontreranno, presso il cinema Etrusco, Paolo Borrometi, giornalista e scrittore e Giuseppe Antoci, Presidente del Parco dei Nebrodi fino al 2018.

“Con questo evento si concludono le iniziative di quest’anno – ha dichiarato Nicola Guzzone, dirigente scolastico del Marconi – è stato un grande onore per la nostra scuola rivestire il ruolo di capofila della rete”. I libri presentati in questa occasione saranno due, “Un morto ogni tanto – la mia battaglia contro la mafia invisibile” di Borrometi, al quale verrà consegnato il Premio libera informazione Memorial “Sandro Mecozzi” e “La mafia dei Pascoli” di Anselmo con Antoci.

Tra i diversi partecipi a questa iniziativa, anche Unicoop Tirreno, che offrirà il pranzo, preparato dall’ IPSSAR “Farnese” di Montalto di Castro, ai presenti.

Il Marconi inoltre, nei giorni scorsi ha coinvolto in due distinti eventi i suoi alunni. Il primo ha permesso un intervento non solo informativo ma anche narrativo da parte del dottor Alfredo Bonagura, che rivolgendosi agli studenti, non come oggetto di studio ma come corpi da ascoltare, ha raccontato le proprie esperienze professionali e umane in merito a un tema fondamentale come quello della legalità.

“Ringraziamo le forze di polizia che collaborano con noi – ha commentato Guzzone – educano i nostri ragazzi alla legalità, in via andò messaggi estremamente positivi”.

Il secondo evento invece, ha permesso a parte della 1C informatica e telecomunicazioni dell’Istituto di partecipare ad un seminario sulla tematica del bullismo e cyberbullismo, promosso dall’Associazione “Semi di Pace”. Alla presenza della dottoressa Daniele, dell’ufficio Minorile del Ministero della Giustizia di Roma e del dottor Picchio, Presidente della “Fondazione Carolina”, gli studenti hanno mostrato un video, realizzato nell’ambito del progetto “La Prepotenza Invisibile”.

“Per i ragazzi è stata una manifestazione molto interessante ed hanno trovato in questo un grande giovamento – ha continuato il Preside del Marconi – noi curiamo molto questo aspetto impiegando risorse, psicologhe, docenti specializzati e non trascurando nessun dettaglio, cercando di far vivere bene la scuola ai nostri studenti”.

ULTIME NEWS