Pubblicato il

8xmille alla Chiesa Cattolica per fare grandi progetti come il centro diurno per i disabili a Caprarola

8xmille alla Chiesa Cattolica per fare grandi progetti come il centro diurno per i disabili a Caprarola

CIVITAVECCHIA – A Caprarola i ragazzi disabili scoprono la bellezza di vivere liberi da pregiudizi e barriere. Dal 2016 nel piccolo comune della provincia di Viterbo è infatti sorto un centro diurno che accoglie i giovani portatori di handicap e li accompagna in un percorso psico-emotivo, riabilitativo e relazionale senza barriere. Si trova in una sala della Piccola casa della Misericordia della Caritas diocesana nata anche grazie ai 31mila euro destinati dall’8 per mille alla Chiesa Cattolica.

«Il parroco don Mimmo Ricci nel 2016 ci ha messo a disposizione degli spazi accanto alla chiesa per il primo laboratorio ricreativo – spiega Erika Polidori, psicologa, in team con Laura Bruziches, terapista della riabilitazione psichiatrica –. Da qui l’ampliamento del progetto con la formazione dei primi volontari nel giugno 2017 per seguire 12 ragazzi segnati da solitudine, problemi economici, disabilità eterogenee, dalla sindrome di Down a forme di autismo».

La Piccola casa della Misericordia, dopo un’ampia ristrutturazione, oggi dà spazio ad attività riabilitative, dalla pittura alla musicoterapia. Ma non solo. Come aggiunge la volontaria, nel corso del tempo, infatti, «il nostro è diventato anche un gruppo di supporto e psico-educazione parentale. Dopo ‘giornate di inclusione’ in cui spiegare il progetto ‘porta a porta’ e nelle scuole, sono arrivate le prime vacanze al mare, le notti fuori, i percorsi di autonomia per andare a comprare un gelato da soli. La gioia dei loro occhi di fronte a novità mai sperimentate è indescrivibile. Andiamo al centro diurno’ dicono oggi ai genitori, sollevati, felici per i figli, e non più soli. Ora abbiamo richieste in lista d’attesa. A Caprarola è la nuova normalità».

Il centro diurno di Caprarola è un mirabile esempio di come viene destinato l’8 per mille alla Chiesa Cattolica.  Come fare per contribuire alla realizzazione di grandi progetti a favore della collettività? Basta firmare alla voce “Chiesa cattolica” nella scheda apposita del modulo della dichiarazione dei redditi (modello Redditi PF, 730 e CU).

DESTINAZIONE 8 PER MILLE MODELLO REDDITI

La scelta viene effettuata utilizzando l’apposita scheda presente all’interno del modello Redditi che deve essere usata sia in caso di obbligo di presentazione della dichiarazione sia in caso di esonero. Possono firmare solo i contribuenti che non scelgono di utilizzare il modello 730 per la dichiarazione dei redditi oppure i contribuenti che sono obbligati per legge a compilare il modello Redditi. Per effettuare la donazione basta semplicemente apporre la propria firma nella casella “Chiesa cattolica” situata nel riquadro denominato “Scelta per la destinazione dell’Otto per mille dell’Irpef”. Il modello e la scheda possono essere predisposti da qualsiasi intermediario fiscale abilitato alla trasmissione telematica (commercialisti, CAF), che provvederà anche all’invio della dichiarazione entro il 31 ottobre. Chi invece predispone da solo il modello, deve effettuare la consegna via internet entro il 31 ottobre, mentre chi non è obbligato all’invio telematico, può presentare il modello presso qualsiasi ufficio postale dal 2 maggio al 2 luglio.

DESTINAZIONE 8 PER MILLE MODELLO 730

Il modello 730 precompilato viene messo a disposizione del contribuente, a partire dal 15 aprile, in un’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle entrate. Per accedere a questa sezione è necessario essere in possesso del codice Pin rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. Il contribuente può accedere alla propria dichiarazione precompilata anche tramite il proprio sostituto che presta assistenza fiscale oppure tramite un Caf o un professionista abilitato. In questo caso deve consegnare al sostituto o all’intermediario un’apposita delega per l’accesso al 730 precompilato. Il 730 precompilato è a disposizione dei contribuenti che – oltre ai redditi di pensione, di lavoro dipendente o assimilati – possiedono altri redditi da dichiarare con questo modello e/o hanno oneri deducibili/detraibili, non hanno partita IVA e possono avvalersi dell’assistenza fiscale del proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) oppure di un CAF o di un professionista abilitato. Il 730 precompilato e il modello 730-1 devono essere presentati entro il 7 luglio nel caso di presentazione al sostituto d’imposta e entro il 23 luglio nel caso di presentazione diretta all’Agenzia delle Entrate oppure al Caf o al professionista abilitato.

DESTINAZIONE 8 PER MILLE MODELLO CU

Possono utilizzare il modello CU i contribuenti che possiedono solo redditi di pensione, di lavoro dipendente o assimilati, attestati dal modello CU e sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi. Per devolvere l’8 per mille alla Chiesa Cattolica i contribuenti che ricorrono al modello CU devono firmare nella casella “Chiesa Cattolica” situata nel riquadro relativo alla scelta per l’8 per mille situato nell’apposita scheda allegata. Occorrerà anche firmare nello spazio “Firma” posto in basso nella scheda. Il modello CU deve essere consegnato entro il 30 settembre solo la scheda con la scelta, in una busta chiusa, che deve recare cognome, nome, codice fiscale del contribuente e la dicitura “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DELL’OTTO, DEL CINQUE E DEL DUE PER MILLE DELL’IRPEF” consegnandola presso un qualsiasi ufficio postale (il servizio di ricezione è gratuito) oppure a un intermediario fiscale abilitato alla trasmissione telematica (commercialisti, CAF). Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda, possono chiedere un corrispettivo per il servizio e devono rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta. È possibile trasmettere la direttamente via internet entro il 31 ottobre.

ULTIME NEWS