Pubblicato il

Armeni, braccia incrociate per i lavoratori

CIVITAVECCHIA – Ancora in sciopero i lavoratori della ditta Armeni wpa. Oggi l’ennesimo grido di allarme che arriva dal comparto metalmeccanici legato alla centrale di Tvn. Stipendi in ritardo, ferie forzate, mancata distribuzione dei buoni pasto e soprattutto l’assenza di certezze per il futuro. Giuseppe Casafina, responsabile Fiom Civitavecchia, ha spiegato: «Si tratta di una situazione figlia della questione complessiva degli appalti metalmeccanici su Enel». Una vicenda resa ancora più complessa dal fatto che già da circa un anno i lavoratori hanno accumulato ritardi sugli stipendi. Interrotta anche la distribuzione dei buoni pasto. Altro fattore che si va ad aggiungere alla già non facile situazione è il ripetuto utilizzo delle ferie forzate. «Siamo riusciti – ha continuato Casafina – ad ottenere un piano di rientro che però deve essere rispettato e non va fermato, intanto l’azienda ha detto che bonificherà una parte di quello che manca». Il sindacalista ha ricordato lo sciopero generale del 14 giugno annunciando future azioni di protesta in assenza di percorsi chiari.

ULTIME NEWS